Gli e-book crescono e gli italiani tornano in libreria, in realtà il trend positivo coinvolge tutta la filiera del libro. Lo dice l’indagine La lettura e i consumi culturali nell’anno dell’emergenza realizzata da Cepell-Centro per il libro e la lettura del Mibact e dall’Aie-Associazione Italiana Editori con la collaborazione di Pepe Research.

Ma prima di raccontare i numeri, desidero esprimere la mia soddisfazione perché è finita la contrapposizione tra digitale e cartaceo. In realtà i lettori lo hanno capito da tempo che un libro è un libro, finalmente ci sono arrivati anche quegli editori che per un lungo periodo hanno osteggiato gli e-book senza capire che rappresentavano una grande opportunità per tutta l’editoria.

Seconda considerazione: indubbiamente le azioni svolte dal Ministero dei Beni Culturali hanno contribuito alla ripresa del settore. Gli interventi a favore di tutto il comparto, e in particolare dei piccoli editori e degli specializzati in turismo e arte, sono arrivati in tempi rapidi, dando all’Italia un primato in Europa di cui essere fiera. Infatti, per dimensioni finanziarie e tempestività l’intervento pubblico italiano è stato il primo fra tutti i Paesi europei.

Ed ora parliamo di numeri. Per chiarezza è bene precisare che l’indagine aveva come obiettivo di fotografare il comportamento degli italiani, di età compresa tra i 15 e i 74 anni, nei confronti della lettura e quindi non i dati economici. Nella precedente rilevazione di luglio prevaleva disaffezione e disattenzione verso la lettura a causa dello stato di preoccupazione generale e dei cambiamenti nelle abitudini familiari, dopo un periodo di assestamento c’è stata la riscoperta della lettura, ma con modalità nuove.

Il primo dato da evidenziare è la crescita dei supporti digitali: su 100 lettori, 40 utilizzano le nuove tecnologie, erano 32 nel 2019. Per quanto concerne gli e-book: i lettori raggiungono il 30% (erano il 26% a maggio e il 25% nel 2019, mentre gli audiolibri aumentano di solo 2 punti percentuali arrivando al 12%, erano l’11% a maggio e il 10% nel 2019.

Incremento anche dei lettori forti di e-book e audiolibri, infatti chi legge 4 o più libri digitali raggiunge il 14%, erano il 9% del 2019, mentre per gli audiolibri si passa dal 2% al 3%. Se prendiamo in esame l’intero universo di chi a ottobre dice di aver letto un libro negli ultimi 12 mesi, il 40% di essi legge per lo più in digitale, il 46% cartaceo, il 14% utilizza tutti i tipi di supporto. Solo un anno prima, i lettori “digitali” erano il 32%, 51% cartaceo e 17% utilizzava entrambi i supporti.

L’indagine conferma quanto era già emerso: durante il lockdown gli italiani si sono avvicinati alla lettura e 3,4 milioni e hanno comprato per la prima volta in vita loro un libro online, 2,3 milioni un e-book. Ma non hanno non abbandonato la libreria, al contrario hanno ripreso a frequentarla. La scelta di considerare i libri beni essenziali si è dimostrata vincente: a ottobre ci sono andati il 67% dei lettori, in netto recupero rispetto al 20% di maggio, in lieve calo rispetto al 74% del 2019.

Gli altri punti di vendita fisici, soprattutto supermercati, sono frequentati dal 23% dei lettori contro il 21% del 2019 e l’11% di maggio 2020. In grande crescita anche gli store online che raggiungono il 38% rispetto al 31% del 2019 e al 39% di maggio 2020. Positivo anche il prestito bibliotecario, sommato alla riscoperta di titoli già presenti nella libreria di casa, i prestiti e i regali, è fonte di letture per il 41%.

Leggere è una piacevole abitudine, speriamo che continui a coinvolgere gli italiani anche quando il periodo di isolamento forzato sarà definitivamente finito.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Partigiani d’Italia”, è consultabile online l’archivio digitale sulle donne e gli uomini della Resistenza

next
Articolo Successivo

Pompei, uno spazio infinito e all’aperto. Perché non riaprire l’area archeologica?

next