Era stato ricoverato in condizioni disperate e i medici hanno cercato di salvargli la vita. È morto il neonato che era rimasto schiacciato su un bus lo scorso 28 ottobre a San Teodoro, a Genova. Il piccolo era nel marsupio della mamma. L’autista aveva frenato bruscamente e aveva investito una donna che attraversava la strada sulle strisce. La giovane madre, che si stava sedendo all’interno del mezzo, aveva perso l’equilibrio ed era caduta in avanti schiacciando il figlio contro il sostegno di metallo. Il neonato era stato trasportato in condizioni gravissime all’ospedale Gaslini, dove però è morto ieri sera.

Il bambino, nato nei primi giorni di ottobre, era stato ricoverato in Rianimazione dal 28 ottobre a causa di un grave trauma cranico. Sottoposto a intervento neurochirurgico è stato poi ricoverato presso il reparto di Terapia intensiva Neonatale e Pediatrica per il proseguimento delle cure. “Visto il progressivo peggioramento delle condizioni cliniche non più responsive né al trattamento intensivo né ad un approccio chirurgico per la gravità del danno cerebrale riportato a causa del trauma – si legge nella nota dell’istituto Pediatrico Gaslini -, il bambino aveva iniziato un percorso di cure palliative presso l’hospice dell’ospedale, dove sono stati progressivamente adeguati i dosaggi dei farmaci con finalità analgo-sedativa, per permettere al piccolo di non provare dolore. Nel corso della scorsa settimana è avvenuto un progressivo peggioramento delle condizioni generali fino al decesso avvenuto ieri sera”.

Foto di archivio

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, duplice omicidio a Calanna: marito e moglie uccisi a fucilate

next
Articolo Successivo

Due valigie con resti di un cadavere saponificato trovate a Firenze vicino alla superstrada

next