Sospeso causa Covid, il braccio di ferro tra Eutelia e Vodafone sulle tariffe di terminazione nelle telefonate tra fisso e mobile, torna in tribunale il 9 dicembre a Milano. Con una novità: una perizia esplorativa. La questione del resto merita ogni approfondimento, visto che riguarda un presunto abuso di posizione dominante da parte delle compagnie telefoniche tradizionali e realizzato tra il 2002 e il 2013 a danno di consumatori e operatori alternativi, cioè società che forniscono servizi di telefonia appoggiandosi alla rete dei big del settore.

Il danno complessivo ammonterebbe ad almeno 4 miliardi, secondo le stime del consulente tecnico di parte di Eutelia, il professore di finanza aziendale della Luiss, Raffaele Oriani. Finora i giudici, in primo grado, hanno dato ragione a Eutelia condannando Vodafone al pagamento di quasi 60 milioni di risarcimento, ridotti poi a 30 in attesa del giudizio di merito della Corte d’Appello.

Per il giudice di primo grado, in sostanza, Vodafone si faceva pagare troppo i “diritti di terminazione”, cioè il prezzo al minuto che Eutelia doveva versare alla compagnia britannica per il traffico voce sull’ultimo tratto di rete mobile, ogni volta che un suo cliente chiamava dal telefono fisso un cellulare cliente della multinazionale inglese.

Toccherà ora alla Corte d’Appello confermare o meno la validità dello scenario descritto nella sentenza di primo grado. Molto dipenderà dalla perizia tecnica d’ufficio, che è stata redatta dal professor Pietro Manzonetto, blasonato perito ultrasettantenne che è stato scelto al di fuori dell’elenco a disposizione dei giudici milanesi per “la specificità della materia”, come indica il presidente della Corte approvando la scelta, secondo l’iter previsto dal Codice di procedura civile per i casi analoghi. E la cui analisi è in netta controtendenza rispetto alla conclusioni raggiunte in primo grado.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cashback, PagoPa: “Già un milione di utenti pronti ad attivarlo”. Lunedì 6mila accessi al secondo: “Possibili rallentamenti”

next
Articolo Successivo

Nuovo minimo storico per i rendimenti dei Btp decennali (0,58%). Titoli portoghesi per la prima volte in negativo

next