Lo studio Solidarity dell’Oms con le conclusioni ad interim su alcuni farmacia aveva scatenato una lunga serie di reazioni. Ora alcuni scienziati Usa intervengono sull’uso del Remdesivir contro Covid. Il “grande e semplice studio Solidarity dell’Organizzazione mondiale della sanità”, non fornirebbe in realtà una risposta definitiva sull’efficacia di questo farmaco. E oltretutto cozza “con altri dati, secondo i quali il medicinale può avere un ruolo importante” contro l’attacco del virus pandemico. Benefici “per i pazienti e per gli stressati sistemi sanitari che sono stati alla base della recente approvazione del farmaco da parte della Food and Drug Administration americana. A sostenerlo in un editoriale sul New England Journal of Medicine sono tre specialisti Usa, convinti che il maxi-studio Solidarity non abbia portato a risposte definitive.

David Harrington della Harvard School of Public Health, la collega Lindsey Baden della Division of Infectious Diseases at the Brigham and Women’s Hospital e Joseph Hogan del Department of Biostatistics della Brown University mettono in luce nel loro editoriale alcuni punti deboli dello studio che ha portato l’Oms (e alcune Agenzie regolatorie) a rivedere le linee guida sul trattamento della malattia. Ma secondo i ricercatori questo trial su 11.330 persone è troppo eterogeneo e, più che essere definitivo, apre ulteriori interrogativi sul medicinale.

Insomma, se per idrossiclorochina, lopinavir e interferone-beta-1a lo studio mostra chiaramente l’assenza di benefici contro Covid-19, “i vantaggi del quarto medicinale – scrivono – potrebbero consistere nella sua abilità a modificare il corso del ricovero in alcuni pazienti”. Solidarity “apre a domande a cui si può rispondere solo con un trial controllato contro placebo con dati complessi”. Forse questo farmaco va riservato a un particolare gruppo di pazienti, o l’efficacia dipende dal momento della somministrazione. O, ancora, è legata all’uso combinato con altri medicinali, ipotizzano i ricercatori. Per avere delle risposte, la semplicità dello studio Solidarity non basta, concludono gli esperti.

L’articolo su Nejm

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Moderna, programmata sperimentazione sugli adolescenti tra i 12 e i 17 anni

next
Articolo Successivo

Ecco come è nata la Luna: la simulazione del supercomputer – Video

next