Giuseppe Conte a cena fuori con la compagna a fine ottobre, nonostante il divieto di apertura serale dei ristoranti? La notizia riferita da Dagospia, che riporta la trascrizione dell’audio di una presunta testimone, viene smentita dallo staff di Palazzo Chigi. Che fa sapere: “L’ultima volta che il presidente del Consiglio ha cenato nel ristorante indicato dalla presunta testimone risale alla fine di settembre. Anche le altre notizie riferite nella comunicazione audio sono completamente false e diffamatorie. E’ falso che la sera del 31 ottobre la scorta del presidente Conte stazionasse davanti al detto ristorante ed è falso che l’auto del presidente Conte sia un’Audi elettrica”.

Nella trascrizione dell’audio la testimone non dice di aver visto il premier ma sostiene che a vedere “la fidanzata del nostro Presidente Conte uscire dalla stanza dove stava mangiando e recarsi in bagno”, nell’enoteca Achilli in zona piazza Montecitorio, sarebbe stata “una mia amica che abita lì vicino” e che “cercando parcheggio per parcheggiare il suo Twizy (che ha bisogno della colonnina per essere ricaricato) ha visto che nel posto che lei di solito utilizza perché abita lì vicino, c’era la macchina del nostro Presidente Conte”. A quel punto, “insospettita dal fatto che la macchina si trovasse lì a quell’ora, essendo vicina a questa enoteca famosa e conoscendo il proprietario di questa enoteca, è entrata, ha visto la proprietaria e appena ha visto la proprietaria questa le ha detto di andarsene via, e lei ha detto: come devo andarmene via? Ma tu devi essere chiusa perché a quest’ora il tuo locale dev’essere chiuso o comunque funzionare solo per l’asporto, chi c’è dentro che non devo vedere?”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

DirittoDiSatira – ‘Non ci sono elementi di prova’. Che direbbe il grande Oiccarbetrof di Salvini

next
Articolo Successivo

Ospedali San Paolo e Carlo di Milano, le opposizioni all’attacco della giunta lombarda: “Serve chiarezza. Inaccettabile punire i medici”

next