“Le libertà che ci siamo presi ad agosto, spiace dirlo in maniera così cruda, ci sono costate più di 5mila morti in questi ultimi mesi. A luglio eravamo ad alcune decine di casi” positivi a Sars-CoV-2 “al giorno, adesso al meglio arriveremo a Natale con 5-10mila casi al giorno. Se lasciamo il virus riprendere, a gennaio pagheremo uno scotto gravissimo in termini sia di ricoveri sia di mortalità”. È la riflessione di Massimo Andreoni, direttore scientifico della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma, intervenuto ad Agorà su Rai3. Lo scienziato invita a “non abbassare la guardia” proprio ora. Anche a Natale “dobbiamo fare festa ma con grande attenzione”. Quindi l’appello ai politici perché si vaccinino contro Covid 19.

Sul tema scuola, al centro di un dibattito politico e non solo come le feste natalizie, Andreoni pensa che si possa anche riaprire la scuola, ma bisogna porre un’attenzione immediata su quello che accade”, perché “non si possono aspettare 20mila casi” di infezione da coronavirus “al giorno per iniziare a fare delle chiusure. Se vediamo che le scuole, e probabilmente questo ahimè accadrà, ridetermineranno una ripresa dei casi, evidentemente dovremo essere pronti a richiudere. Quindi, se si vuole provare” a riaprire l’attività didattica in presenza anche per gli studenti che ora frequentano a distanza, “si può anche provare, ma con attenzione grande e maggiore rispetto ai mesi passati. Sappiamo perfettamente – sottolinea l’esperto – quello che succede in termini di aumento dell’epidemia, in funzione dell’allentamento delle misure messe in atto per contenerla. È chiaro che si possono fare molte cose, ma solo se siamo certi che le misure che mettiamo in atto” affinché le attività consentite si svolgano in sicurezza “verranno considerate e tenute presenti da tutti. Questo accade? La risposta purtroppo è no”. Del resto “abbiamo dimostrato di non essere in grado di far mantenere le misure di contenimento” anti-Covid “in situazioni in cui ci sono molte persone”. Per questo “le stazioni sciistiche devono stare chiuse – aggiunge Andreoni Questo non riguarda solo le piste da sci ma riguarda mille situazioni che idealmente si potrebbero tenere aperte, mentre in pratica la risposta è no perché abbiamo dimostrato di non essere in grado di controllare e far rispettare le regole”.

Sul tema vaccino il professore fa un appello: “C’è un sistema che dovrebbe mettere d’accordo tutti, sia coloro che vogliono salvare le vite umane sia chi si preoccupa dell’economia, che è la vaccinazione. Sarebbe un ottimo segnale, di senso civico e responsabilità, che tutti i politici si facessero vaccinare. Vorrei controllare quante delle persone che ci devono amministrare saranno sottoposte alla vaccinazione e siano decisi a farsi vaccinare. Credo che sarebbe un bel segnale”, ha ribadito Andreoni che ha incassato in diretta l’adesione di Daniela Santanché, che si è detta “assolutamente” disponibile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dall’Aids al Covid, niente speculazioni: vaccini e farmaci devono essere accessibili a tutti

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, Pfizer e Biontech hanno presentato richiesta di autorizzazione all’Agenzia europea dei farmaci

next