È il 9 marzo 2020 quando Alessia Bonari, 23 anni, infermiera in un ospedale a Milano, posta un selfie del suo viso segnato da ore con la mascherina. L’infermiera nel post racconta la stanchezza alla fine dei turni massacranti e mostra i lividi lasciati dai dispositivi di protezione. Ma la paura non le ha impedito di continuare a prendersi cura dei pazienti insieme ai suoi colleghi e così è diventata il simbolo della lotta al Covid. Per questo oggi è stata premiata dall’Associazione Nazionale Giovani Innovatori (Angi) dal presidente Gabriele Ferrieri, nella sala stampa della Camera dei Deputati. Durante la presentazione di oggi, sono anche state svelate le 11 categorie di progetti innovativi che verranno premiati durante la cerimonia del 4 dicembre, dedicata ai giovani innovatori.

Il premio “Innovation Leader Award” è stato conferito a Bonari anche in rappresentanza di tutte le persone, infermieri, medici e operatori sanitari, che stanno combattendo in prima linea la battaglia contro il Covid. Lo scorso settembre, la ragazza era stata insignita anche del premio di “personaggio dell’anno” al Festival del Cinema di Venezia. Sui social, l’infermiera ha ringraziato: “È stato un onore ricevere il premio Angi. Grazie”, ha scritto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Alessia Bonari (@alessiabonari_)

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, Gino Strada: “Sanità pubblica qui è evanescente, si spezzi legame con privati per allontanare mafie. Politica? Non ci condizioni”

next
Articolo Successivo

Nuovo dpcm, Speranza: “Per le feste le limitazioni saranno rafforzate. A Natale, Santo Stefano e Capodanno vietati spostamenti tra Comuni”

next