I probiviri del Movimento 5 stelle hanno sospeso per due mesi i deputati Andrea Colletti e Mara Lapia che a settembre scorso si schierarono contro il taglio dei parlamentari. Secondo quanto anticipato dall’agenzia Adnkronos, la decisione stata comunicata agli interessati in queste ore.

Solo un richiamo, invece, per il collega Andrea Vallascas. “Non si può limitare un deputato della Repubblica nello svolgimento delle sue funzioni”, ha dichiarato all’agenzia, “ma soprattutto mi meraviglia che venga presa una decisione così il giorno prima del voto a maggioranza assoluta sullo scostamento di bilancio”. “Se dovessi scendere al loro livello di persone poco strutturate politicamente e poco intelligenti, non dovrei presentarmi domani in Aula per il voto, rischiando così di far traballare la maggioranza. Invece sono una persona responsabile, ignorerò questa cosa incommentabile e mi presenterò in Aula per votare lo scostamento”, rimarca la parlamentare sarda.

Poco dopo Colletti, sempre parlando con l’Adnkronos, ha commentato: “Mi aspettavo questa decisione. E’ la dimostrazione che all’interno del M5s non sanno gestire il dissenso sui provvedimenti, soprattutto quando è motivato. Sanno farlo solo quando riguarda la gestione del potere interno e non quando riguarda proposte legislative che impatteranno notevolmente sul futuro dell’Italia. Probabilmente molti hanno votato per il taglio dei parlamentari anche per mandare a casa i parlamentari del Movimento 5 stelle…”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, prorogato il lavoro della commissione di inchiesta. Sportiello (M5S): “Basta depistaggi da Egitto. Al-Sisi collabori per la verità”

next
Articolo Successivo

Il San Paolo di Napoli illuminato per Diego Armando Maradona: centinaia di tifosi si radunano fuori dallo stadio per l’ultimo saluto

next