Le vacanze di Natale sono alla porte e, mentre in tutto il mondo ci si chiede come e se si potrà festeggiare, il Regno Unito ha già deciso. Per cinque giorni, dal 23 al 27 dicembre, ci sarà un alleggerimento delle restrizioni per permettere di celebrare le feste. Saranno consentiti incontri e cene tra massimo 3 nuclei familiari non conviventi e verranno allentate alcune limitazioni sugli spostamenti. In questo clima, il primo ministro Boris Johnson ha pubblicato su Twitter la risposta alla lettera di Monti, 8 anni, preoccupato per gli spostamenti internazionali di Babbo Natale. Johnson ha deciso di rispondere alle tante letterine inviate al 10 di Downing Street sull’argomento, rassicurando i bambini: “Babbo Natale verrà, sta già preparando la slitta”.

Nella lettera il piccolo Monti chiede al premier britannico misure speciali per Babbo Natale: “Se lasciamo il gel igienizzante per le mani vicino ai biscotti, potrà venire?”, chiede il bambino di 8 anni nel rispetto delle regole anti contagio. “Monti, che ha 8 anni, mi ha scritto per chiedere se Babbo Natale sarà in grado di portare i regali quest’anno”, esordisce Johnson, aggiungendo qualche emoticon natalizia. “Ho ricevuto un sacco di lettere sull’argomento – prosegue il primo ministro – Così ho parlato con gli esperti e posso ora rassicurarvi che Babbo Natale potrà caricare la sua slitta e consegnare i doni anche questo Natale!”.

Dieci giorni fa era stato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a rispondere a una letterina di un bambino che chiedeva “un’autorizzazione speciale” per consentire gli spostamenti di Babbo Natale. Anche il premier gli ha risposto rassicurandolo: lui ha già “un’autocertificazione internazionale“, per consegnare i regali a tutti i bambini.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angela Merkel, l’uomo che con l’auto si è schiantato contro l’ingresso del suo ufficio lo aveva già fatto 6 anni fa

next