Una microspia nella volante della Polizia locale per incastrare la figlia della dirigentescomoda”. La notizia-gossip di un rapporto sessuale fra due vigili urbani di Roma all’interno di un’auto di servizio durante un turno di pattugliamento davanti a un campo rom, rischia di trasformarsi in una sorta di spy story. Al contrario da quanto emerso in un primo momento, l’audio dell’incontro passionale fra i due agenti non sarebbe arrivato agli atti del Comando generale per colpa della “radio lasciata accesa”.

In realtà, a quanto apprende Ilfattoquotidiano.it, l’episodio risale al mese di giugno e il file è stato consegnato al comandante nel mese di agosto, salvato su una pennetta a sua volta contenuta in una busta con allegata una lettera anonima che ricostruiva l’episodio. Secondo fonti della Polizia locale che hanno lavorato sull’indagine disciplinare – culminata con il trasferimento dei due amanti in due gruppi differenti – l’audio sarebbe stato captato da una sorta di microspia, una di quelle pennette usb con registratore incorporato, lasciata appositamente nella volante dei vigili e recuperata nel turno successivo.

L’intera ricostruzione è stata raccolta all’interno di un esposto che uno dei due agenti protagonisti presenterà nei prossimi giorni presso la Procura di Roma, per l’accertamento dei reati di captazione abusiva con supporti elettronici e grave lesione della privacy. Tenuto conto che chi ha lavorato sul caso è stato costretto anche a sbobinare le “conversazioni” registrate e qualche passaggio è finito, come prevedibile, anche sulle chat interne dei colleghi. Non solo. Emerge anche che la donna in passato aveva denunciato due colleghi per molestie sessuali, episodi di cui era stato informato il Comando generale.

A rendere ancora più sospetta l’azione del presuntospione” c’è il fatto che una dei due amanti è la figlia di una ex vicecomandante e attuale dirigente del Comune di Roma, ciclicamente associata al ruolo di comandante del Corpo ma non molto amata dai sindacati autonomi. Una guerra interna alla Polizia locale le cui dinamiche sono emerse anche da un’inchiesta andata in onda lunedì sera durante la trasmissione Report su Rai 3. L’iniziativa dunque potrebbe essere stata presa proprio per danneggiare l’immagine della vigilessa o del suo familiare. In attesa della presentazione dell’esposto in Procura, è già stata avviata una verifica interna da parte dei vertici della Polizia locale volta a smascherare i presunti “spioni”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 853 morti nelle ultime 24 ore. I nuovi casi sono 23232 con 188mila tamponi. Calano i ricoverati in ospedale: 120 in meno

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Locatelli: “La scuola ha avuto un ruolo assolutamente marginale nella curva dei contagi”

next