Oltre alla presentazione del nuovo realme 7 5G, il brand cinese ha annunciato anche l’arrivo per il mercato europeo di due nuovi accessori: lo smartwatch realme Watch S e gli auricolari true wireless realme Buds Air Pro. Realme Watch S è il primo orologio smart dell’azienda ad essere commercializzato nel nostro territorio. La cassa certificata IP68 è realizzata in alluminio e può essere affiancata a cinturini da 22 mm disponibili in varie colorazioni.

Il display AMOLED circolare da 1,3 pollici ha una risoluzione di 360 x 360 pixel ed è protetto da un vetro di protezione Gorilla Glass. La luminosità del pannello può essere regolata automaticamente da un sensore di luce ambientale. Lo smartwatch dispone di un accelerometro a 3 assi per il monitoraggio del fitness e il monitoraggio del sonno. È presente anche il tracking di 16 diverse attività sportive, queste includono la corsa, il ciclismo, il ping-pong, il basket, il canottaggio e il ciclismo. Sul retro di realme Watch S è presente un sensore in grado di registrare continuamente la frequenza cardiaca e stimare l’ossigenazione del sangue.

L’azienda ha inserito via software anche degli allenamenti guidati per la respirazione e dei promemoria per ricordarsi di bere sufficiente acqua durante la giornata. Il sistema comprende oltre 100 diversi quadranti tra cui scegliere e supporta la ricezione di notifiche, il controllo della musica o della fotocamera e molto altro ancora. La batteria da 390 mAh dovrebbe garantire secondo l’azienda fino a 15 giorni di utilizzo tra le ricariche. Lo smartwatch realme Watch S sarà disponibile all’acquisto a partire al prezzo di 79,99 euro.

Oltre al nuovo orologio, realme ha annunciato l’arrivo anche delle sue cuffie TWS Buds Air Pro. Gli auricolari true wireless dell’azienda sono equipaggiate con un sistema di cancellazione attiva del rumore ANC fino a 35dB. Supportano la Transparency Mode, una funzione che amplifica l’audio esterno per permettere un migliore ascolto dell’ambiente circostante senza dover togliere gli auricolari dall’orecchio. Grazie ai due microfoni integrati le realme Buds Air Pro sono in grado di cancellare il rumore di fondo durante le chiamate.

Le cuffie sono realizzate basandosi sul chip realme S1 che supporta le modalità Open-App Auto Connection e la modalità di accoppiamento rapido di Google. Le Buds Air Pro capiscono quando sono indossate e sono resistenti all’ingresso di acqua e polvere secondo lo standard IPX4. Per le sessioni di gioco le realme Buds Air Pro possiedono una modalità a bassa latenza che riduce il lag a soli 94 ms. Il chip a basso consumo realme S1 e la batteria da 486 mAh permettono fino ad un massimo di 25 ore di riproduzione musicale, ore che scendono a 20 attivando la cancellazione del rumore. Gli auricolari sono in grado di ricaricare fino a 3 ore di batteria in soli 10 minuti e si ricaricano completamente in un’ora. Le realme Buds Air Pro saranno disponibili all’acquisto al prezzo di 89,99 euro

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Realme 7 5G recensione. Lo smartphone che rende il 5G alla portata di tutti

next
Articolo Successivo

Apple: multa da 113 milioni di euro negli USA per pratiche commerciali ingannevoli

next