Zitto zitto ,il bitcoin si avvicina al suo record storico. Ormai tutt’altro che un miraggio visto che la regina delle valute digitali ha ormai superato i 18mila dollari, per segnare un nuovo primato ne servono altri 2mila. Nel dicembre del 2017 era stata infatti superata la soglia dei 20mila dollari a pezzo. Pochi mesi dopo ne valeva meno di 10mila, a conferma della fortissima volatilità, e quindi rischiosità, di questo asset. L’ultima corsa è cominciata circa un mese fa. Lo scorso 18 ottobre la quotazione era ancora di 11mila e 500 dollari. Da allora, un incremento del 56%.

Difficile dire cosa ci sia dietro a questa nuova fiammata. Se sia molta speculazione, come accaduto in passato, o il fatto che la moneta digitale si stia parzialmente affermando come opzione per diversificare gli investimenti. Secondi alcuni osservatori rosicchiando qualche posizione all’oro, nei portafogli di grossi investitori. Quel che è certo è che per ora il bitcoin rimane un prodotto estremamente speculativo, in quest’ottica incapace di affermarsi come strumento di pagamento alternativo alla moneta tradizionale. Quello che era invece l’obiettivo primario dei suoi (o del suo) misteriosi creatori. Questo è anche il motivo per cui, tutto sommato, le autorità monetarie e i regolatori hanno sinora chiuso un occhio sull’universo delle monete digitali. La controprova è l’esperimento “libra”, di Facebook e altri pesi massimi del web e dei mercati finanziari. Quando la società di Mark Zuckerberg ha presentato il suo progetto di moneta virtuale è immediatamente partita la controffensiva dei veri detentori della sovranità monetaria.

Purtroppo l’altro grande utilizzo delle valute digitali rimane quello delle transazioni illegali che avvengono sul web. Innanzitutto il pagamento di “riscatti” per liberare sistemi informatici colpiti da virus.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fallisce il lancio del razzo Vega: l’italiana Avio crolla in borsa. Perché il flop rischia di costare caro alla politica spaziale italiana

next
Articolo Successivo

Il fondatore di Twitter investe in Satispay. Dagli Usa 18 milioni di euro per la start up italiana

next