Due settimane fa il primo studio Usa, su oltre 30mila pazienti, aveva confermato che “gli anticorpi durano per diversi mesi”. Adesso anche i ricercatori dell’Istituto superiore di sanità (Iss) hanno dimostrato la persistenza degli anticorpi che bloccano la proteina “spike” del virus Sars-Cov-2 nelle persone che hanno contratto l’infezione. Alcuni anticorpi sembrano però “più longevi e più persistenti di altri” come indicano i risultati preliminari dell’analisi dell’Iss e della provincia autonoma di Trento condotto in 5 Comuni della provincia che avevano registrato la più alta incidenza di casi Covid-19 nella prima fase dell’epidemia.

Lo studio si è articolato in due fasi di indagine: la prima, a maggio, in cui sono state esaminate circa 6.100 persone, e a distanza di 4 mesi, quando sono stati riesaminati coloro che erano risultati positivi alla prima indagine. Ebbene, “i risultati della prima indagine, in corso di pubblicazione sulla rivista Clinical Microbiology and Infection, hanno evidenziato che il 23% della popolazione aveva anticorpi contro la proteina nucleocapside del virus Sars-CoV-2. Nella seconda indagine – riferisce lo studio – appena conclusasi si è osservata una rapida diminuzione degli anticorpi diretti contro questa proteina in una elevata percentuale di individui inizialmente sieropositivi: il 40% dei circa 1.000 ritestati è risultato infatti sieronegativo a distanza di 4 mesi dal primo test. Analizzando gli stessi campioni di siero per un altro tipo di anticorpi, diretti contro la proteina ‘spike’, è risultato, invece, che oltre il 75% dei soggetti mostrava ancora una sieropositività”.

Per comprendere e spiegare meglio questi risultati, il gruppo di lavoro dell’Iss ha valutato la presenza di anticorpi neutralizzanti (ovvero quelli che, al momento, si possono considerare come protettivi nei confronti dell’infezione), in un sottogruppo di pazienti, utilizzando un test di sieroneutralizzazione con virus vivo su linee cellulari. È stato osservato che, “negli esperimenti in vitro, quasi tutti i siero-positivi per gli anticorpi contro la proteina ‘spike’ sono in grado di neutralizzare l’ingresso del virus”, precisa l’Iss. “I risultati dello studio – spiega Paola Stefanelli, primo autore e direttore del reparto Malattie prevenibili da vaccino-laboratori di riferimento – sono rilevanti nella comprensione della dinamica e della longevità dei vari tipi di anticorpi e della capacità neutralizzante degli anticorpi anti-spike, con importanti implicazioni per l’uso dei vaccini, al momento in fase di valutazione, basati su questa proteina di Sars-Cov-2”.

Foto di archivio

Memoriale Coronavirus

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Moderna: “Nostro vaccino ha una efficacia pari al 94,%”. Il composto “stabile tra 2 e 8 gradi per 30 giorni”. Ecco come funziona

next
Articolo Successivo

Covid in Italia a settembre 2019, i dubbi dell’epidemiologa: “Valutare i metodi”. Gli autori: “Sicurissimi dei nostri risultati”

next