Con il nuovo decreto “Ristori bis”, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, arriva la cassa integrazione Covid anche per i lavoratori dello spettacolo. “Con il nuovo Decreto sarà consentito chiedere fino nove settimane di ammortizzatore previste dal Decreto Agosto fino al 15 novembre 2020 (per le sospensioni dal lavoro dall’1 al 30 settembre), e questo trattamento verrebbe applicato anche ai lavoratori che risultano assunti alla data di entrata in vigore del suddetto Decreto”, spiega Anica, l’associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali.

Per Mario Fusani, avvocato giuslavorista che assiste Anica, “la modifica apportata dal Decreto-Legge Ristori bis approvato dal governo venerdì 6 novembre scorso è molto importante per i lavoratori assunti con contratti a termine nelle produzioni cine-audiovisive a partire dal 13 luglio, e quindi potenzialmente esposti, malgrado il rigido protocollo di sicurezza osservato sui set, al rischio di interruzioni lavorative dovute all’emergenza sanitaria. Finora quei lavoratori erano esclusi dalla cassa integrazione o dal Fis (Fondo d’integrazione sindacale ndr), cosa a cui il nuovo decreto sembra aver posto rimedio”.

Ma, continua Fusani, “confidiamo che sia chiarito con urgenza anche che il nuovo periodo di Cassa del Decreto Agosto sia esplicitamente ricompreso nell’oggetto della proroga, essendo tra l’altro destinato ad aziende che non si erano ancora potute attivare con la procedura di consultazione sindacale (che dura almeno 3 giorni) e che dovrebbe tuttavia concludersi in soli 5 giorni, dal oggi al 15 novembre”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ‘fondo nuove competenze’ soffocato dalla burocrazia. O è solo una via per spendere soldi?

next
Articolo Successivo

Dopo l’annuncio che assumerà i rider Just Eat esce da Assodelivery. E ammette: “Il ccnl firmato con Ugl prevede pagamento a cottimo”

next