La Calabria ha visto il suo indice di contagio passare da 1.84 a 1.41: la velocità di trasmissione del virus si è ridotto e questo potrebbe portarla tra una settimana a passare in zona arancione. Dipenderà ovviamente anche dalla situazione negli ospedali, dove per il momento la probabilità di arrivare a un sovraccarico delle terapie intensive e degli ospedali è ancora considerata superiore al 50%, così come arrivano allerte dai servizi sanitari territoriali, in una regione in cui il totale delle risorse umane dedicate all’emergenza (tracciamento + area medica) è inferiore a una risorsa per 100mila abitanti.
La situazione – sempre riferita alla settimana dal 26 ottobre al primo novembre – resta invece identica nelle altre regioni che erano in zona rossa. In Lombardia l’Rt è ancora intorno al 2 (1.99), e viene segnalato il sovraccarico delle terapie intensive. Il numero di positivi per casi testati è superiore al 30 per cento. In Piemonte, per un indice di contagio in calo (ora al 1.76), ci sono criticità per i ricoveri e le allerte che arrivano dai servizi sanitari territoriali: contagi/tamponi sopra al 20% e capacità di tracciamento in calo. La Valle d’Aosta resta la regione con l’incidenza per 100mila abitanti più alta: 1207 positivi nelle ultime due settimane di ottobre. La Provincia di Bolzano è diventata zona rossa con un indice di contagio arrivato al 1.73 e la segnalazione di un sovraccarico negli ospedali (non ancora nelle terapie intensive).

INDIETRO

Covid, i dati del monitoraggio regione per regione. Dall’indice contagio al sovraccarico degli ospedali: perché 5 ora sono arancioni

AVANTI
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciondolo anti Covid che purifica l’aria, l’assurda proposta alla Camera del segretario del sindacato di polizia Siap: “Diamolo ai sanitari”

next
Articolo Successivo

Anzio, si stende sotto l’auto della polizia locale e insulta i vigili: l’assurda protesta dell’assessore per un controllo alla sua palestra

next