“Oggi porto al collo un micro purificatore d’aria del costo di 50 euro, di tecnologia israeliana. È un neutralizzatore di batteri e andrebbe distribuito alle forze di polizia e a tutti i sanitari impegnati”. È l’assurda richiesta fatta a Parlamento e governo da Giuseppe Tiani, segretario nazionale del sindacato di polizia Siap. Durante la Commissione affari costituzionali della Camera ha mostrato il ciondolo che aveva al collo, facendosi promotore di quello che lui ritiene uno dei rimedi contro il coronavirus: “Per un metro cubo attorno a chi lo indossa genera cationi che inibiscono qualsiasi virus abbia segno positivo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Andrea Merloni, ultimo presidente del gruppo Indesit. Figlio di Vittorio, si oppose alla vendita a Whirpool

next
Articolo Successivo

Covid, i dati del monitoraggio regione per regione. Dall’indice contagio al sovraccarico degli ospedali: perché 5 ora sono arancioni

next