Nuova controffensiva dell’Antitrust Ue nei confronti di Amazon. Secondo Bruxelles il colosso dell’e-commerce avrebbe abusato della sua posizione dominante sia in Germania che in Francia. Avrebbe utilizzato l’immensa mole di dati sugli utenti di cui dispone per avvantaggiarsi sui rivenditori più piccoli. Lo ha annunciato poco fa in conferenza stampa la commissaria europea alla concorrenza Margrethe Vestager.

La procedura prende di mira il doppio ruolo di Amazon che è sia gestore della piattaforma per le vendite in cui sono “ospitati” anche rivenditori terzi, sia venditore diretto di suoi prodotti sulla stessa piattaforma. La tesi dell’Antitrust Ue è che in questa doppia veste il colosso di Seattle goda e approfitti di una posizione di vantaggio a scapito degli altri rivenditori, che sono in qualche modo sia clienti che concorrenti. In particolare Amazon sfrutterebbe anche i dati che riguardano le compravendite tra utenti e rivenditori terzi per posizionarsi meglio con le sue offerte. Un’indagine simile a quella annunciata oggi da Bruxelles era stata avviata nel 2018 dall’antitrust tedesco. Amazon sfrutterebbe il suo immenso potere anche per strappare condizioni contrattuali illegali alle controparti. Il gruppo è sotto scrutinio, assieme ad altri giganti del web come Google, anche negli Stati Uniti.

In passato la difesa di Amazon, che non ha ancora commentato le parole odierne della Vestager, è stata quella di negare l’esistenza di queste pratiche irregolare e di sottolineare come i rivenditori terzi dispongano di canali di vendita alternativi e nulla li obblighi ad usare la sua piattaforma.

“Dobbiamo garantire che le piattaforme a doppio ruolo con potere di mercato, come Amazon, non distorcano la concorrenza. I dati sull’attività di venditori di terze parti non devono essere utilizzati a vantaggio di Amazon quando questi agisce come concorrente degli stessi venditori. Anche le condizioni di concorrenza sulla piattaforma Amazon devono essere eque”, ha affermato la commissaria europea alla concorrenza, Margrethe Vestager.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili