Torna nuovamente online la piattaforma www.buonomobilita.it creata dal ministero dell’Ambiente per ricevere il rimborso di biciclette e monopattini acquistati tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020. Dopo i disservizi avvenuti nel giorno del click day, con il sito inaccessibile per ore e centinaia di migliaia di persone in coda per poter usufruire del bonus mobilità, chi è rimasto tagliato fuori a causa dell’esaurimento dei fondi potrà comunque pre-registrarsi al portale. C’è tempo fino al 9 dicembre, poi il ministero calcolerà quanti cittadini effettivamente hanno ancora diritto al contributo e stanzierà le risorse necessarie. I rimborsi, come ha anticipato il titolare dell’Ambiente Sergio Costa, arriveranno tra gennaio e febbraio 2021.

Come si legge sul sito, infatti, “la pre-registrazione non dà diritto ad alcun beneficio, serve al ministero dell’ambiente al fine di quantificare le risorse per un puntuale rifinanziamento del Programma Sperimentale Buono Mobilità”. Durante la procedura, consentita solo a chi ha già acquistato un mezzo green nei mesi scorsi, è possibile caricare la fattura o lo scontrino parlante. Inoltre, sempre a partire dalle ore 9.00 chi ha già ottenuto il via libera al rimborso o è riuscito a generare un buono digitale da spendere entro fine anno, potrà accedere alla sua area riservata attraverso una sezione apposita.

Costa ha ammesso che il 3 novembre, il primo giorno per presentare le domande per il bonus, “il sistema è andato in crash, c’è stato un incidente tecnico. Mi dispiace per la gente che è rimasta in coda, ma alla fine il problema è stato risolto“, ha dichiarato nei giorni scorsi. “Alle 10 del mattino del 4 novembre, 600mila italiani sono stati soddisfatti e i fondi sono finiti. Quelli che avevano già tirato fuori soldi per comprare una bici e sono rimasti fuori, potranno avere il ristoro adesso“. Il ministro ha poi aggiunto di aver allertato la Guardia di Finanza perché vigili affinché i voucher erogati (che sono nominali) non vengano rivenduti sottobanco da chi li ha ottenuti.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ristori, Castelli (M5s): “Nelle prossime settimane dobbiamo aiutare anche attività non chiuse ma che stanno subendo cali di ricavi”

next
Articolo Successivo

Pensioni d’oro, la Consulta: legittimi i tagli ad assegni più elevati. Bocciata solo la durata quinquennale del prelievo. Ecco perché

next