È successo la notte scorsa, tra l’1 e il 2 novembre, durante l’ultima corsa della metropolitana. Un treno della linea di Spijkenisse, vicino a Rotterdam (Olanda), con a bordo soltanto il conducente, è deragliato mentre attraversava un ponte, sfondando la barriera protettiva. Sotto, il fiume Mosa. Ma invece di precipitare per 10 metri nell’acqua, il treno è rimasto sospeso in equilibrio precario su un’installazione artistica, una grande scultura in plastica che rappresenta la coda di una balena alla stazione della metropolitana De Akkers.

“Stiamo cercando di decidere come riportare giù il treno in modo attento e controllato”, ha detto oggi un funzionario all’emittente nazionale olandese Nos. L’autista, rimasto anonimo, è riuscito a scendere dal treno da solo. È stato portato in ospedale per un controllo e sembra che non abbia subito lesioni.

La scultura è intitolata ‘Whale Tails’ ed è opera dell’architetto e artista Maarten Struijs. È stata eretta nelle acque del fiume alla fine dei binari della stazione nel 2002. “È lì da quasi 20 anni e in realtà ti aspetti che la plastica si polverizzi almeno un p0′, ma per fortuna non è stato così”, ha detto Struijs, sorpreso che la statua abbia retto al colpo del treno. “Mi assicurerò di avere qualche foto”, ha aggiunto. “Non avrei mai potuto immaginarla in quel modo.”

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Terremoto in Turchia: bimba di tre anni estratta viva dopo 65 ore sotto le macerie – FOTO

next