Il primo incontro nel 2014, all’uscita di un cinema. Poi tre anni dopo – vedi alle volte, il caso – si incontrano di nuovo a un evento. Ma è solo dopo il lockdown che i due iniziano a frequentarsi: l’attore Giulio Berruti, ospite oggi a Verissimo, su Canale 5, ripercorre le tappe della sua storia d’amore con la parlamentare Maria Elena Boschi. Passato il tempo delle smentite e del basso profilo, adesso l’attore non vede l’ora di urlare al mondo la sua felicità di fronte alle telecamere: “Maria Elena è una persona a cui voglio un gran bene – dice – è una donna speciale. Quando la vedo e le sorrido, penso sempre che io non sono abbastanza per lei. Ha un gran cuore”.

Nel salotto televisivo di Silvia Toffanin, Berruti racconta anche il primo appuntamento: “La prima sera che è venuta a cena da me è caduta dalla sedia e ha fatto cadere il vino – dice sorridendo – In quella vulnerabilità e in quella goffaggine ci siamo ritrovati”. E la prima notte insieme? Nessun dettaglio piccante, ma una piccola rivelazione: “La prima volta che si è fermata da me mi ha chiesto di pregare per le persone che soffrono. È una persona molto dolce, dalla forte umanità”. L’attore romano, 36 anni compiuti a settembre, confessa che non avrebbe mai immaginato di innamorarsi di una persona che fa politica, ma descrive la Boschi come una persona “propensa all’ascolto, attenta ai bambini e alle persone in difficoltà“. Una storia d’amore che è stata vissuta dunque con serenità. E azzarda già qualche idea per il futuro: “Vorrei tanti figli. Tra noi ne abbiamo parlato”.

Ma nel corso dell’intervista Berruti parla anche della sua carriera e di una malattia con cui ha dovuto imparare a convivere, la fibromialgia: “E’ una malattia fantasma con pazienti fantasma. Ho passato un anno e mezzo in cui non ho potuto lavorare”. Tra gli ospiti della puntata del 31 ottobre anche Francesco Renga, Michelle Hunziker e Marco Masini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Verdone e la sua “cura” per il Covid: “Eparina, zitromax, desametasone e tachipirina se c’hai febbre, basta”

next
Articolo Successivo

Rai Storia si salva ma per me l’accorpamento con Rai 5 non era per forza un male

next