Il primo incontro nel 2014, all’uscita di un cinema. Poi tre anni dopo – vedi alle volte, il caso – si incontrano di nuovo a un evento. Ma è solo dopo il lockdown che i due iniziano a frequentarsi: l’attore Giulio Berruti, ospite oggi a Verissimo, su Canale 5, ripercorre le tappe della sua storia d’amore con la parlamentare Maria Elena Boschi. Passato il tempo delle smentite e del basso profilo, adesso l’attore non vede l’ora di urlare al mondo la sua felicità di fronte alle telecamere: “Maria Elena è una persona a cui voglio un gran bene – dice – è una donna speciale. Quando la vedo e le sorrido, penso sempre che io non sono abbastanza per lei. Ha un gran cuore”.

Nel salotto televisivo di Silvia Toffanin, Berruti racconta anche il primo appuntamento: “La prima sera che è venuta a cena da me è caduta dalla sedia e ha fatto cadere il vino – dice sorridendo – In quella vulnerabilità e in quella goffaggine ci siamo ritrovati”. E la prima notte insieme? Nessun dettaglio piccante, ma una piccola rivelazione: “La prima volta che si è fermata da me mi ha chiesto di pregare per le persone che soffrono. È una persona molto dolce, dalla forte umanità”. L’attore romano, 36 anni compiuti a settembre, confessa che non avrebbe mai immaginato di innamorarsi di una persona che fa politica, ma descrive la Boschi come una persona “propensa all’ascolto, attenta ai bambini e alle persone in difficoltà“. Una storia d’amore che è stata vissuta dunque con serenità. E azzarda già qualche idea per il futuro: “Vorrei tanti figli. Tra noi ne abbiamo parlato”.

Ma nel corso dell’intervista Berruti parla anche della sua carriera e di una malattia con cui ha dovuto imparare a convivere, la fibromialgia: “E’ una malattia fantasma con pazienti fantasma. Ho passato un anno e mezzo in cui non ho potuto lavorare”. Tra gli ospiti della puntata del 31 ottobre anche Francesco Renga, Michelle Hunziker e Marco Masini.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Verdone e la sua “cura” per il Covid: “Eparina, zitromax, desametasone e tachipirina se c’hai febbre, basta”

next
Articolo Successivo

Rai Storia si salva ma per me l’accorpamento con Rai 5 non era per forza un male

next