“Cari colleghi, andiamo a esibirci in chiesa. Tanto quelle sono aperte. Al posto dell’acqua santa mettiamo l’Amuchina e siamo a posto”. È l’ironica – e amara – proposta di Paolo Hendel rivolta ad attori e artisti per far fronte all’emergenza coronavirus e alle limitazioni che coinvolgono molte professioni. “D’altra parte l’Italia è piena di furbetti“, ha commentato Hendel in un video pubblicato sui social, “come quel ristoratore che ha proposto la cena includendo il pernottamento in hotel”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I cibi essenziali per il nostro cervello? Ecco quali sono (e perché non vanno assunti come integratori)

next
Articolo Successivo

Il monologo di Crozza: “Lockdown or not lockdown? è una continua lotta a chi il tampone ce l’ha più lungo”

next