Quando pensiamo ad uno smartphone con tastiera fisica, inevitabilmente i ricordi, almeno dei più grandi, non possono non andare ai tempi dei Palm, dei Blackberry e di alcuni Nokia, tutti dotati appunto di tastiera fisica, uno strumento per la produttività da sempre molto apprezzato, soprattutto tra i professionisti, che non si sono mai del tutto abituati alle tastiere touch. Ebbene, ora F(x)tec ha avviato la produzione di uno smartphone che ha proprio nella tastiera la sua caratteristica più peculiare. Per realizzare la parte software, inoltre, è stato chiamato in causa il portale di modding più famoso al mondo: XDA, da qui il nome dello smartphone, XDA Pro1-X.

Lo scorso anno l’azienda aveva già messo in commercio uno smartphone suo predecessore, si chiama Pro1 ed è tuttora basato su Android Stock. Il nuovo Pro1-X ha sì Android ma nella versione customizzata Lineage OS assieme a Linux in versione Ubuntu Touch, con possibilità per l’utente di scegliere l’uno o l’altro sistema operativo all’avvio.

Per quanto riguarda al dotazione hardware, lo smartphone è equipaggiato con un display AMOLED da circa 6 pollici con risoluzione Full HD+, mentre il SoC scelto è lo Snapdragon 835 con la configurazione massima di 256 GB di memoria e 8 GB di RAM.

Il comparto fotografico posteriore invece comprende due sensori, uno da 12 e l’altro da 5 Mpixel, mentre frontalmente troviamo una fotocamera singola con un sensore da 8 Mpixel. Per via della tastiera, non può esserci molto spazio in profondità e quindi si è potuto integrare una batteria da “soli” 3200 mAh.

Prima della messa in commercio ci dovrebbe essere anche l’aggiunta di un terzo sistema operativo, Android 9 in versione base, ovvero senza personalizzazioni. Lo smartphone avrà un costo di 550 dollari per chi sceglierà di partecipare alla campagna di finanziamento su noto portale di crowdfunding Indiegogo.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zoom porta su Android la crittografia integrale e le dirette video YouTube

next
Articolo Successivo

OnePlus Nord N10 5G e N100, ufficiali i nuovi smartphone economici. In Italia da novembre

next