Teatro Petrarca di Arezzo, domenica: ultimo spettacolo del Festival dello spettatore, ci sono tutti gli organizzatori. Si chiude in bellezza, Ballarini di Emma Dante, un testo danzato e interpretato, potente, divertente, commovente, fa parte della trilogia degli occhiali, sul tema della vecchia: danza e dialetto siciliano. Bello.

Ma c’è sgomento, c’è tristezza: da domani si chiude di nuovo, perché? I protocolli sono rigidi, uno spettatore ogni tre sedie, mascherine, gel. Sanificazione. E’ per gli orari? Per il coprifuoco? Ma gli spettacoli si possono fare anche sabato e domenica pomeriggio.

E’ per il numero degli spettatori? Meno di un terzo della capienza, meno degli avventori di un ristorante. E’ perché la cultura è un lusso? No, è un genere di prima necessità, c’è bisogno di bellezza, di idee, di distrazione, in questo momento più che mai. La musica ha salvato l’anima di gente nel campo di concentramento.

Tutti i lavori vanno salvaguardati, ma lo sapete che gli attori di teatro, salvo rare eccezioni, hanno paghe modeste e solo quando lavorano? E le maestranze, i tecnici, i registi, i montatori? Tanta gente che già galleggiava nei tempi buoni, e ora rischia di andare a fondo.

Non facciamo distinzioni strane, non facciamo guerre tra poveri. Teatri, cinema, sale di concerto: non soffocatele, lasciate un po’ d’aria, quelle che tiene in vita. Con regole rigidissime.

La cultura è un genere di prima necessità: attenzione, “l’essenziale è invisibile per gli occhi”, diceva il Piccolo principe.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il video inedito di Gianni Rodari: lo scrittore racconta una fiaba ai bambini della scuola d’infanzia di Reggio Emilia nel 1972

next
Articolo Successivo

A Franceschini dico: abbiamo fatto per primi la nostra parte. Senza musica non c’è rinascita

next