“C’è stato un contagio su 500 mila persone che sono entrate nei teatri, vuol dire che i teatri sono luoghi sicuri”. Così la regista teatrale Ruth Shammah, contraria alla chiusura dei teatri disposta dal nuovo Dpcm, in vigore da lunedì 26 ottobre per frenare l’avanzata del coronavirus. “Ero d’accordo sul coprifuoco, avremmo fatto il teatro alle 18”, aggiunge.

“Io non so se c’era una scelta migliore, la salute è importante ovviamente e dobbiamo fare di tutto per fermare la pandemia ma fino adesso nel nostro settore le cose erano andate bene quindi applicando le regole in maniera rigida forse si poteva evitare questa chiusura. A me sembra si voglia più che altro lanciare il messaggio alla gente di non farla uscire”. E’ il commento di Mimmo Calopresti, regista e ora anche direttore artistico del Cinema l’Aquila.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, ora le Regioni chiedono a Speranza di riorganizzare il tracciamento. Il bando per nuovi operatori pubblicato solo il 24 ottobre

next
Articolo Successivo

Torino, i gestori delle palestre in piazza contro il nuovo Dpcm: “Abbiamo bisogno di lavorare. Salvaguardare la nostra funzione sociale”

next