Tre tecnologie ibride per lo stesso modello. È quasi un record quello della nuova Ford Kuga: infatti, a fianco dell’ibrido mild – dotato di un piccolo motore-generatore elettrico, che sostiene l’unità termica in partenza – e del plug-in ricaricabile – capace di viaggiare a emissioni zero per una cinquantina di chilometri –, che già erano presenti a listino, ora arriva l’edizione Full Hybrid.

Si tratta di una soluzione intermedia fra quelle sopradescritte, che sfrutta la spinta di un quattro cilindri da 2.5 litri di cubatura, abbinato a un motore elettrico alimentato da batterie che si ricaricano in frenata o durante i rallentamenti. La potenza complessiva di sistema è di 190 Cv, trasferiti a terra tramite una trasmissione automatica e, a richiesta, dalle quattro ruote motrici.

Rispetto alla Kuga mild hybrid, la Full assicura un maggior supporto elettrico all’unità motrice a benzina, ma non è capace di far marciare l’auto a emissioni zero per diverse decine di chilometri, come invece possibile per la Kuga Plug-in. In compenso, però, la sua massa complessiva è più contenuta della variante ricaricabile dall’esterno, a tutto vantaggio del piacere di guida e dell’efficienza. I prezzi della Kuga Full Hybrid partono da 31.300 euro per arrivare ai 41.750 euro dell’allestimento top di gamma con trazione 4×4. Il consumo medio dichiarato è di 5,3 litri/100 km.

L’allestimento entry level, che si chiama “Connect”, include il climatizzatore automatico a doppia regolazione guidatore-passeggero, fari a led, cerchi di 17”, infotainment con touchscreen di 8” e un ricco corredo dedicato alla sicurezza, che comprende la frenata automatica di emergenza, il mantenimento della corsia e il cruise control. Più sportiva la ST, con ruote da 18”, sospensioni e sedili specifici e il cruscotto digitale da 12”. Un equipaggiamento che la ST-Line X arricchisce con il sedile di guida regolabile elettricamente, il portellone posteriore elettrico e l’impianto audio della B&O. Al top c’è la Vignale, con particolari esterni cromati, selleria di pelle e sedili anteriori, posteriori e volante riscaldabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, sono veramente a impatto zero sull’ambiente? Il nodo delle batterie

next
Articolo Successivo

Auto elettriche, l’Acea lancia l’allarme: “Pochi punti di ricarica in Europa”

next