“Ieri sera firmato ho firmato il decreto col quale ho fissato una percentuale di almeno il 50% di lavoro agile, ma invitando le amministrazioni ad aumentare la percentuale se hanno un livello sufficiente di digitalizzazione”. Lo ha detto la ministra della Pubblica amministrazione, Fabiana Dadone durante l’assemblea dell’Anci 2020.
“Nel decreto – spiega la Ministra rispondendo a una domanda di Enrico Mentana sulla possibilità di avere sportelli aperti 24 ore – ho chiesto che ci sia maggiore flessibilità sugli orari, anche per permettere agli utenti e alle imprese di accedere a una connessione non solo fisica, ma anche digitale, con qualsiasi strumento. L’importante, in questa fase, è che si stia il più vicino possibile a cittadini e imprese per offrire il servizio con tutte le modalità con le quali si riesce. Poi quando avremo i fondi del recovery e con tutte le risorse che reperiremo in manovra, sicuramente aiuteremo le amministrazioni ad avere strumenti digitali migliori per migliorare il servizio – e conclude – in questa fase quello che serve è andare oltre i propri limiti per riuscire ad andare incontro alle esigenze”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, a porte chiuse le sedute della commissione d’inchiesta Covid: Lega, FI e FdI bocciano proposta Pd. I dem: “Hanno paura”

next