“Questa volta siamo qui per sostenere Azzolina e rafforzare la sua battaglia per tenere aperte le scuole. Siamo con lei. Naturalmente c’è ancora molto da lavorare, la ministra deve dare tante risposte come la carenza di organico, i banchi, gli orari ridotti. Non va tutto bene ma in questa battaglia siamo al suo fianco”. Così Francesca, del comitato Priorità alla scuola, spiega le motivazioni che hanno portato ancora una volta genitori, insegnanti e alunni a manifestare davanti al Miur. Lo spunto questa volta è l’ordinanza del presidente Vincenzo De Luca che in Campania ha chiuso le scuole e “imposto” la didattica a distanza. Un’opzione assolutamente scartata da insegnanti e alunni questa volta in “linea” con la volontà della ministra Azzolina.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ho 15 classi in quarantena, è il virus a imporci la didattica a distanza. Doppi turni? Solo col doppio dei docenti”: parla il preside di un liceo

next
Articolo Successivo

Scuola, il 10% degli alunni ha un background migratorio. Ma solo un terzo degli stranieri di seconda generazione va al liceo. Il report

next