Ottobre è il mese delle castagne e di “EroFame – Global Trade Convention” di Hannover ma quest’anno non si farà. Questa importante fiera internazionale in cui vengono presentate le novità su sex toys, cosmetici erotici e tutto ciò che ruota attorno al mondo del sexual wellness è stata, come era prevedibile, cancellata.

L’anno scorso ero andata a curiosare di persona ma quest’anno posso solo raccontarvi ugualmente le novità dell’industria senza prendere aerei e standomene al calduccio.

Vediamo dunque quali sono i nuovo oggetti del piacere che, a mio modesto parere, potranno essere di tendenza nella stagione autunno/inverno 2020/2021. Come nella moda i prodotti devono accattivare, affascinare ma soprattutto essere utili per sperimentare sensazioni nuove. A maggior ragione quando si parla di distanziamento fisico e tutto diventa più frustrante.

Iniziamo con Satisfyer, colosso tedesco pluripremiato che, dal 2016 ha portato una ventata di freschezza e prezzi accessibili a tutti nel mondo dei vibratori di design.

Il suo ultimo slogan è “Can an app light my fire?” e i prodotti garantiscono esperienze multisensoriali con vari programmi scaricabili sul cellulare: fresh morning, soft ice, hummer, fire friday sono solo alcune delle modalità da scegliere a seconda dell’umore o della voglia di sintonizzare il piacere.

Doc Johnson lancia le Pocket Pussy che non sono altro che le riproduzioni delle vulve di famose Instagram girls. Un must have è il loro Bloom, una pompetta dedicata alle donne con ben quattro applicatori a ventosa di varie dimensioni che suggono capezzoli, clitoride e ovviamente la vulva.

Obii invece è un piccolo sex toy color pastello dell’azienda tutta al femminile biird.com. Sempre di uccelli si tratta, no? Questo, oltre ad essere uno stimolatore femminile è un oggetto multifunzionale perché diventa una piccola lampadina da camera e crea un ambiente sensuale quando si appoggia sul comodino.

Masturbatori maschili hi-tech a prezzi accessibili a tutti e soprattutto a chi si vuole approcciare per la prima volta al piacere delle fleshlight: ecco la nuova linea di Pipedream le cui confezioni super chic hanno la grafica che sembrerebbe dedicata a moto o auto da corsa. Nella pratica fanno l’effetto fellatio e sembra che possano aiutare chi soffre di disfunzione erettile. Andate sempre dal medico prima, eh!

Accessori per il seno ne abbiamo? Certo che sì ma attenzione a pubblicare su Instagram.

Ho trovato simpatici e giocosi i nuovi copricapezzoli commestibili di Kheper Games, casa editrice di Seattle fondata nel 1995 che si è reinventata: da anni propone romance games che aiutano le coppie a divertirsi. I nuovi pasties da applicare sul seno sono fatti di carta di riso, aromatizzati alla cannella, al sidro e alla ciliegia. Sono a forma di palla di Natale, hanno la faccina stilizzata della renna e di Babbo Natale. “Carini, divertenti e saporiti”, li definisce così il CEO Brian Pellham.

Tante la novità e il mercato non si ferma. Per ora però mi fermo io con una dedica ai meccanici e camionisti che anni fa esponevano il calendario delle loro beniamine sexy. Amici, tornate ad essere vintage perché Orion mette in vendita – solo on line – l’anno che verrà, con le immagini in confezione termoretraibile di pin up in versione soft e hard core. Sperando, ovviamente, che il 2021 tirerà su… l’umore. Fatemi sapere.

Potete seguirmi su Instagram

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smartworking, niente di meglio che un po’ di sesso mattutino invece del traffico

next
Articolo Successivo

Facebook Dating e le altre app di incontri: un valido supporto, ma solo se usate correttamente

next