Ottobre è il mese delle castagne e di “EroFame – Global Trade Convention” di Hannover ma quest’anno non si farà. Questa importante fiera internazionale in cui vengono presentate le novità su sex toys, cosmetici erotici e tutto ciò che ruota attorno al mondo del sexual wellness è stata, come era prevedibile, cancellata.

L’anno scorso ero andata a curiosare di persona ma quest’anno posso solo raccontarvi ugualmente le novità dell’industria senza prendere aerei e standomene al calduccio.

Vediamo dunque quali sono i nuovo oggetti del piacere che, a mio modesto parere, potranno essere di tendenza nella stagione autunno/inverno 2020/2021. Come nella moda i prodotti devono accattivare, affascinare ma soprattutto essere utili per sperimentare sensazioni nuove. A maggior ragione quando si parla di distanziamento fisico e tutto diventa più frustrante.

Iniziamo con Satisfyer, colosso tedesco pluripremiato che, dal 2016 ha portato una ventata di freschezza e prezzi accessibili a tutti nel mondo dei vibratori di design.

Il suo ultimo slogan è “Can an app light my fire?” e i prodotti garantiscono esperienze multisensoriali con vari programmi scaricabili sul cellulare: fresh morning, soft ice, hummer, fire friday sono solo alcune delle modalità da scegliere a seconda dell’umore o della voglia di sintonizzare il piacere.

Doc Johnson lancia le Pocket Pussy che non sono altro che le riproduzioni delle vulve di famose Instagram girls. Un must have è il loro Bloom, una pompetta dedicata alle donne con ben quattro applicatori a ventosa di varie dimensioni che suggono capezzoli, clitoride e ovviamente la vulva.

Obii invece è un piccolo sex toy color pastello dell’azienda tutta al femminile biird.com. Sempre di uccelli si tratta, no? Questo, oltre ad essere uno stimolatore femminile è un oggetto multifunzionale perché diventa una piccola lampadina da camera e crea un ambiente sensuale quando si appoggia sul comodino.

Masturbatori maschili hi-tech a prezzi accessibili a tutti e soprattutto a chi si vuole approcciare per la prima volta al piacere delle fleshlight: ecco la nuova linea di Pipedream le cui confezioni super chic hanno la grafica che sembrerebbe dedicata a moto o auto da corsa. Nella pratica fanno l’effetto fellatio e sembra che possano aiutare chi soffre di disfunzione erettile. Andate sempre dal medico prima, eh!

Accessori per il seno ne abbiamo? Certo che sì ma attenzione a pubblicare su Instagram.

Ho trovato simpatici e giocosi i nuovi copricapezzoli commestibili di Kheper Games, casa editrice di Seattle fondata nel 1995 che si è reinventata: da anni propone romance games che aiutano le coppie a divertirsi. I nuovi pasties da applicare sul seno sono fatti di carta di riso, aromatizzati alla cannella, al sidro e alla ciliegia. Sono a forma di palla di Natale, hanno la faccina stilizzata della renna e di Babbo Natale. “Carini, divertenti e saporiti”, li definisce così il CEO Brian Pellham.

Tante la novità e il mercato non si ferma. Per ora però mi fermo io con una dedica ai meccanici e camionisti che anni fa esponevano il calendario delle loro beniamine sexy. Amici, tornate ad essere vintage perché Orion mette in vendita – solo on line – l’anno che verrà, con le immagini in confezione termoretraibile di pin up in versione soft e hard core. Sperando, ovviamente, che il 2021 tirerà su… l’umore. Fatemi sapere.

Potete seguirmi su Instagram

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smartworking, niente di meglio che un po’ di sesso mattutino invece del traffico

next