Una donna di circa 40 anni, lo scorso luglio, è arrivata ubriaca al Pronto soccorso dell’ospedale di Vigevano e, senza documenti, ha sostenuto di essere Julia Roberts. Ma sulla sua identità, a qualche mese di distanza, c’è ancora mistero. La 40enne, dai primi di settembre ricoverata nel reparto di psichiatria del San Matteo di Pavia, è infatti apparentemente senza memoria.

Come racconta La Provincia Pavese, la donna era stata avvistata alla stazione di Mortara mentre, ubriaca, molestava dei passanti. Gli agenti del Polizia locale avevano cercato inutilmente di calmarla e l’avevano portata al Pronto soccorso di Vigevano dove, poiché non aveva documenti, era stata ricoverata con l’annotazione N.N. (dal latino “Nomen nescio” “Non conosco il nome) sulla cartella clinica. Smaltita la sbornia, era stata dimessa ma non si è mai allontanata dall’ospedale, vivendo nella sala d’aspetto dove mangiava grazie al cibo delle macchinette offerto da medici, infermieri e parenti di altri pazienti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Verissimo Gabriel Garko racconterà la verità sul ‘segreto di pulcinella’ (il “programma più consono” a cui si riferiva Signorini)

next
Articolo Successivo

Sharon Stone sull’invecchiare: ecco cosa dobbiamo imparare

next