Si è conclusa la prima parte dello studio di sieroprevalenza SARS-CoV-2 che ha visto coinvolti i quattro comuni lombardi di Castiglione d’Adda, Carpiano, Vanzaghello e Suisio e circa 10mila cittadini. A realizzarlo il dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche Luigi Sacco, in collaborazione con Medispa, azienda che sviluppa tecnologie per la prevenzione e la salute. Nello svolgimento dello studio sono stati utilizzati i test rapidi immuno-cromatografici di PrimaLab, azienda impegnata nello sviluppo e nella produzione di dispositivi diagnostici in vitro.

“In un primo breve contributo scientifico, già pubblicato sul Journal of Infection, che riguarda solo i dati di Castiglione d’Adda, abbiamo potuto descrivere come l’infezione abbia colpito in modo selettivo le diverse fasce d’età, interessando oltre il 40% dei novantenni, ma meno del 10% dei bambini al di sotto dei 10 anni, mentre le persone tra i 45 e i 50 anni sono state interessate in circa il 20% dei casi – dichiara il professor Massimo Galli – Questa osservazione suggerisce che i più giovani non solo sviluppano più raramente il Covid in modo grave, ma che sono anche meno suscettibili ad infettarsi. Questo dato, che deriva da un contesto in cui il virus ha potuto diffondersi prima che se ne riconoscesse la presenza nel nostro Paese, e quindi senza alcun ostacolo, è importante e in parte rassicurante in merito al rischio della diffusione dell’infezione tra i più piccoli dopo la riapertura delle scuole”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino coronavirus, Johnson & Johnson alla fase III della sperimentazione. L’annuncio dello scienziato Anthony Fauci

next
Articolo Successivo

Coronavirus, allo studio il potenziale legame tra Covid 19 e l’aumento di incidenza del morbo di Parkinson

next