Il ministro degli Esteri ha votato intorno alle 11.40 nella scuola Sulmona di Pomigliano d’Arco. Luigi Di Maio, che entrando nel seggio ha preferito non rispondere alle domande dei giornalisti augurando a tutti un generico “buon voto” si è poi lasciato andare ad una battuta prima di inserire la scheda elettorale del referendum all’interno dell’urna. “Sono 30 anni che aspettiamo” ha detto rivolgendosi ad uno dei presenti che rivolgendosi a lui aveva detto “Questa è quella più importante”. All’uscita si è intrattenuto qualche attimo con il candidato sindaco M5S, facendogli l’in bocca al lupo per le amministrative.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Affluenza elezioni ’20 referendum e regionali: alle 23 vicina al 40% degli aventi diritto. In Veneto alle urne il 46%, in Campania il 38

next
Articolo Successivo

Addio a Rossana Rossanda, voce dissenziente della sinistra tra emancipazione femminile e critiche al comunismo dogmatico – Il ritratto

next