Il rapper Ghali si è dimostrato da subito molto sensibile alla vicenda di Willy, il ragazzo ventunenne ucciso a botte, durante un vero e proprio pestaggio a Colleferro. Una vicenda che ha scosso l’opinione pubblica ma su cui, a detta dell’artista, si è mobilitato poco il mondo della musica.

Ghali se la prende soprattutto con gli altri rapper: “Come mai non dite nulla su questa vicenda che ci è così vicina? Siete tutti pronti a dire la vostra su quello che accade oltre oceano, perché è di moda… ma su questa vicenda non dite nulla. Perché? Distoglie l’attenzione dalle cose che avete in promozione? Secondo me o non ve ne frega niente o avete paura di schierarvi perché c’è della prossimità con certi ambienti…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Vita in Diretta, lo sfogo di Alberto Matano: “Non amo categorie, etichette e diffido da chi mette timbri sugli altri”

next
Articolo Successivo

“O si copre, o lei non entra”: visitatrice fermata all’ingresso del Museo d’Orsay a Parigi per la sua scollatura vietata

next