Huawei Y9A è il nuovo smartphone di fascia media del produttore cinese, destinato al mercato globale. Dal punto di vista estetico, il nuovo device riprende le linee del top di gamma Mate 30, rispetto al quale però cambiano le caratteristiche tecniche, a partire dal processore. Sembra infatti essere cominciato l’addio ai processori Kirin – a causa dei divieti imposti dagli USA – in favore di soluzioni sviluppate da altre società. In questo caso ad esempio troviamo il MediaTek Helio G80.

Il chip è abbinato a 6 GB di RAM e a 128 GB di memoria interna, espandibile tramite memorie microSD. La parte frontale dello smartphone è completamente occupata da un display IPS LCD da 6,63 pollici con risoluzione Full-HD+ (1080 x 2400 pixel), completamente privo di fori o notch: la fotocamera anteriore da 16 Mpixel è stata infatti implementata in un meccanismo a scomparsa.

Il comparto fotografico si completa con quattro sensori posteriori, disposti in un modulo circolare. Il sensore principale da 64 Mpixel è accompagnato da un grandangolare da 8 Mpixel e da due sensori da 2 Mpixel, utilizzati rispettivamente per gli scatti in modalità macro e per raccogliere le informazioni sulla profondità di campo. Completissima la connettività a cui non manca il jack audio da 3,5 mm. Il tutto è alimentato da una batteria da 4300 mAh.

La piattaforma software è affidata ad Android 10 in versione AOSP personalizzato con EMUI 10.1. Come ben sappiamo, sono assenti i servizi e le app di Google. E tutto è gestito invece dagli Huawei Mobile Services e dall’AppGallery, i servizi del colosso di Shenzhen che crescono giorno dopo giorno. Le colorazioni disponibili sono Space Silver, Sakura Pink, Midnight Black. Per il momento, non si conoscono i dettagli su prezzi e disponibilità per il nostro mercato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È il giorno di Android 11, tutte le novità in arrivo

next
Articolo Successivo

Google, Apple e Dropbox: i servizi cloud finiscono sotto la lente dell’Antitrust per presunte pratiche commerciali scorrette

next