“Quando si è lavorato per nuova una Commissione europea fu proposto innanzitutto Timmermans ma alla fine non andò a buon fine. Subito dopo io stesso cercai di creare consenso per Mario Draghi, lo avrei visto bene come presidente. Lui mi disse che non si sentiva disponibile perché era stanco della sua esperienza europea”. Lo ha rivelato, alla festa de Il Fatto Quotidiano, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “Quando lo si invoca, penso lo si tiri per la giacchetta”, ha risposto Conte intervistato da Antonio Padellaro e Peter Gomez in merito al retroscena che vorrebbe l’ex presidente della Bce alla guida di un nuovo governo italiano. “Non lo vedo come un rivale“, ha aggiunto, “ma come un’eccellenza” (Qui l’intervista integrale)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del Fatto Quotidiano, Gismondo: “Vaccino antinfluenzale? 40% di dosi in meno rispetto ai bisogni”. Crisanti: “Incalzare le regioni”

next
Articolo Successivo

Taglio dei parlamentari, la proposta di Di Maio: “Riduciamo gli stipendi dal 22 di settembre”

next