Fairphone 3+ è ufficiale e porta con sè delle migliorie che lo rendono più attuale rispetto al modello precedente. Non si tratta però di un nuovo modello dello smartphone modulare, ma un aggiornamento del Fairphone 3, con l’aggiunta di alcuni moduli interessanti già inclusi nel corpo del telefono.

Se non conoscete l’azienda, dovete sapere che Fairphone ha una missione: realizzare smartphone ecosostenibili con il solo impiego di risorse riciclate “estratte” da fonti equosolidali. L’azienda vuole dimostrare che non c’è bisogno di cambiare un telefono intero per avere delle funzioni aggiornate, da qui l’intuizione dei moduli.

Il nuovo Fairphone 3+ si differenzia dal modello precedente fondamentalmente per due caratteristiche: la fotocamera posteriore che possiede una risoluzione da 64 Mpixel, allineata quindi ai più recenti top gamma, e quella anteriore da 16 Mpixel. C’è poi uno speaker di qualità superiore e una nuova colorazione, nera opaca, per il corpo posteriore dello smartphone.

Il video di presentazione che vedete illustra come il Fairphone 3+ sia stato realizzato con il 40% di plastica riciclata. Il display ha una diagonale di 5,65 pollici in formato 18:9 e la risoluzione è Full HD+. La memoria integrata è pari a 64 GB espandibile con Micro SD, con 4 GB di RAM. Infine, il processore è il Qualcomm Snapdragon 632 e il sistema operativo è Android 10, con una personalizzazione davvero light e minima.

Lo smartphone possiede una connettività abbastanza completa con il WiFi a/c, Bluetooth 5.0, GPS e un modem LTE. Non c’è il 5G, probabilmente l’azienda lo renderà disponibile con i prossimi moduli.

Fairphone 3+ inoltre è dual SIM e possiede un batteria da 3040 mAh ricaricabile tramite cavo USB-C, mentre manca il supporto per la ricarica wireless. Ovviamente le persone che posseggono il modello precedente non devono per forza comprare il nuovo, basterà acquistare i nuovi moduli fotografici e montarli molto semplicemente con il tool compreso in confezione. Il prezzo? 469 euro, con consegne a partire da metà settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazfit X, in arrivo a ottobre la smart band finanziata in crowdfuding

next