In 155 rischiano di rimanere senza lavoro perché l’azienda ipotizza una delocalizzazione della produzione in Polonia. L’ultima crisi aziendale a finire sul tavolo del ministero dello Sviluppo Economico è quella della Betafence di Tortoreto, in provincia di Teramo. Lavoratrici e lavoratori hanno convocato un’assemblea e sciopero ritrovandosi tutti dallo stesso lato, con un’adesione del 100% all’astensione dal lavoro chiesta da Fiom, Fim e Uilm.

Il prossimo passo sarà il confronto al ministero guidato da Stefano Patuanelli con i vertici dell’azienda belga, che produce recinzioni e distribuisce in oltre 100 Paesi, generando anche circa 150 posti di lavoro nell’indotto abruzzese. “Nell’incontro del 1° di settembre presso il Mise ci attendiamo delle risposte concrete, con la convocazione di tutti i soggetti coinvolti, che cambino la scelta inaccettabile del Fondo di cancellare un’azienda in salute e che fa utili in questo Paese nonostante la crisi determinata dalla pandemia Covid-19″, spiega Claudio Gonzato della Fiom-Cgil nazionale annunciando che in concomitanza con il vertice a Roma gli operai torneranno a scioperare.

“Quanto fino ad ora paventato non ci ha convinto per nulla sulle motivazioni che porterebbero alla chiusura della Betafence, fino ad ora solo annunciata, e non è accettabile che, qualunque sia il progetto della multinazionale, ricada sulle spalle dei lavoratori, come troppo spesso accade”, aggiunge Valerio D’Alò per la Fim Cisl. “Come sindacato – conclude – resteremo accanto ai lavoratori mettendo in campo insieme a loro ogni azione di lotta necessaria a tutelare il lavoro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Resa dei conti in Confindustria. La presidenza contro colossi come Ferrero e Barilla che hanno firmato gli aumenti in busta paga

next
Articolo Successivo

Effetto Covid, assunzioni a -43% nei primi cinque mesi. Oltre 2,5 miliardi le ore di cassa autorizzate ma solo il 42% è stato davvero usato

next