Ringrazio tutte e tutti per la solidarietà ricevuta in questi giorni, ma sarà bene chiarire che il “pestaggio mediatico” che ho subito ad opera delle “bestie” e degli squadristi da tastiera, è scattato perché ho difeso croniste e cronisti davvero in pericolo ed esposti, da tempo, alle loro ingiurie e ai loro manganelli, per ora ancora simbolici.

Il motivo scatenante, solo l’ultimo di tanti, è stata la notizia relativa al cane che sarebbe stato mangiato dai migranti nella villa di tale signora Rosy sull’isola di Lampedusa. Naturalmente la “notizia” è stata subito rilanciata dai soliti noti, con tanto di commenti tesi a suscitare paura, orrore, a collegare la denuncia alla diffusione del Covid, all’invasione dei migranti, alle connivenze di chi opera l’inclusione e l’accoglienza, a cominciare dal volontariato e dalle organizzazioni non governative.

Uno schema di narrazione consueto, funzionale a chi, sulla paura e sulle false notizie, ha costruito le sue fortune economiche e politiche, a partire da Steve Bannon, il loro nume tutelare.

Per loro sfortuna esistono ancora croniste e croniste che praticano la verifica dei fatti e che hanno cominciato a porre domande, e così il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, ha ordinato un’ispezione: i resti del cane risalivano a sette anni prima, di illecito c’erano solo alcune costruzioni abusive, insomma mancavano i riscontri.

Naturalmente saranno gli inquirenti a tirare le conclusioni, ma la montatura politica e mediatica ha subito un colpo durissimo.

A questo punto “Bestie e bestioline”, con rispetto parlando per quelle vere, non hanno neppure finto di fare un passo indietro, ma, come è loro costume, hanno preso a ingiuriare e minacciare i cronisti che hanno compiuto le verifiche, a cominciare dalle giornaliste. Perché costoro odiano le donne. Parole irripetibili si sono abbattute contro Angela Caponnetto di Rai news, contro David Puente che li ha smascherati, e contro chiunque li abbia difesi, da Paolo Berizzi a Nello Scavo, da Asmae Dachan ad Antonella Napoli, da Articolo 21 ad Andrea Palladino

Gli stessi pestaggi e le stesse parole già usate contro i cronisti che hanno raccontato e raccontano le migrazioni, smontano le bugie sulle organizzazioni non governative, documentano le pratiche di discriminazione, denunciano la tratta degli schiavi con la Libia, descrivono torture e abrogazione dei diritti umani.

Per queste ragioni ho ritenuto fosse mio dovere difendere il diritto di cronaca, denunciare queste minacce e chiedere alle autorità istituzionali di individuare i mandanti e gli esecutori di queste azioni squadristiche.

La Repubblica, che affonda le sue radici in una Costituzione antifascista e antirazzista, ha il dovere di garantirne l’applicazione ovunque, anche nella rete. Non possono esistere luoghi nei quali si possa decretare la “sospensione della Costituzione” come accadde a Genova, nei tragici e sanguinosi della caserma Diaz. La libertà di informazione e il diritto di critica, anche nelle forme più radicali, non hanno nulla a che vedere con le minacce di stupro, con l’apologia del fascismo, con l’antisemitismo, con gli appelli ad eliminare diversità e differenze.

Nell’esposto che abbiamo deciso di presentare insieme all’avvocato Giulio Vasaturo, e che sarà sostenuto dalla federazione della stampa e dal suo segretario Raffaele Lorusso, chiederemo di individuare i mandanti, di intensificare la vigilanza sui gruppi nazifascisti, e non solo, che continuano ad agire indisturbati, di raddoppiare i controlli preventivi a tutela dei cronisti più esposti e fatto oggetti di attacchi quotidiani e di dedicare una particolare attenzione a quei cronisti che sono i più esposti e i meno tutelati, e per i quali sarebbe ora e tempo che il Parlamento imponesse l’applicazione delle norme sull’equo compenso.

Se qualcuno pensava di intimorirci ha sbagliato i calcoli, non un passo indietro, ma almeno due avanti, insieme con chi, e sono stati tantissimi (la redazione del blog del Fatto tra questi) ha voluto manifestare solidarietà non tanto a me, quanto a chi rischia davvero e, ogni giorno, opera per salvaguardare la Costituzione antifascista, antirazzista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La Sardegna come capro espiatorio, l’allarmismo per i contagi è insensato

next