Cosa è più grave: dare la colpa alla mamma o accettare l’elemosina? È una domanda che bisognerebbe porre ai deputati Elena Murelli e Andrea Dara, entrambi (solo) sospesi dalla Lega per aver preso il bonus partite Iva. La prima aveva definito i soldi di questo bonus “una elemosina”. Eppure, alla fine, si è presa quei quattro spicci nonostante un reddito dichiarato di oltre 100 mila euro.

Il secondo, Andrea Dara , proprietario di un calzaturificio, ha detto che la mamma (a sua insaputa) aveva fatto richiesta di quei soldi. Lui lo ha scoperto dopo, forse quando è cominciato a circolare il suo nome. La madre si è presa tutta la colpa. “È stata una leggerezza” ha detto assumendosi tutta la responsabilità per salvare il figlio in un gesto d’amore bellissimo, da telenovela.

Così, è successo che mi è scaturita la voglia di scrivere a Berlinguer, al caro Enrico. Ma quando parlavi di questione morale sapevi già che era una battaglia persa? Sarebbero infatti centinaia, alcuni parlano anche di duemila, i politici che hanno chiesto e ottenuto il bonus pensato per le partite Iva: i piccoli commercianti.

Ma a questi “politici” i 600 euro devono essere sembrati una sorta di mini 13esima, non c’è altra spiegazione. Più ne hanno e più ne vogliono, verrebbe da dire. Come se il Parlamento, sedersi in quelle aule, ne aumentasse l’ingordigia a dismisura. Enrico, salvaci tu!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morandi, due anni dopo. Conte ai parenti delle vittime: “Non vi lasceremo soli nella richiesta di verità, siamo al vostro fianco”

next
Articolo Successivo

M5s, vince il sì alla modifica del limite due mandati e alle alleanze locali con i partiti. Di Maio: “Nuova era”. Zingaretti: “Fatto positivo”

next