L’attivista e leader del movimento pro-democrazia, Joshua Wong, è stato escluso dalle elezioni legislative 2020 come candidato. A fare l’annuncio è stato lo stesso Wong, che ha invitato i cittadini a non arrendersi a una delle repressioni più dure di Pechino che sta “escludendo di fatto i candidati pro democrazia dai gruppi progressisti ai partiti moderati tradizionali”. La colpa, racconta il leader, è di avere definitivo in pubblico la legge sulla sicurezza approvata da Pechino e che consente l’estradizione e l’arresto di chi la viola con atti di sedizione e pericolo per la sicurezza nazionale, “una legge draconiana”. Sono dodici, in tutto, i candidati del movimenti esclusi dalle elezioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, torna la paura in Europa. In Spagna 1.229 casi: numero più alto dal 1 maggio. Germania, 902 positivi: superata la soglia critica in Baviera. Romania prima in Ue per numero di decessi ogni mille abitanti

next
Articolo Successivo

Autobomba in Afghanistan: almeno 8 morti e 30 feriti. I Taliban negano il coinvolgimento dopo l’annuncio della tregua con Kabul

next