L’attivista e leader del movimento pro-democrazia, Joshua Wong, è stato escluso dalle elezioni legislative 2020 come candidato. A fare l’annuncio è stato lo stesso Wong, che ha invitato i cittadini a non arrendersi a una delle repressioni più dure di Pechino che sta “escludendo di fatto i candidati pro democrazia dai gruppi progressisti ai partiti moderati tradizionali”. La colpa, racconta il leader, è di avere definitivo in pubblico la legge sulla sicurezza approvata da Pechino e che consente l’estradizione e l’arresto di chi la viola con atti di sedizione e pericolo per la sicurezza nazionale, “una legge draconiana”. Sono dodici, in tutto, i candidati del movimenti esclusi dalle elezioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, torna la paura in Europa. In Spagna 1.229 casi: numero più alto dal 1 maggio. Germania, 902 positivi: superata la soglia critica in Baviera. Romania prima in Ue per numero di decessi ogni mille abitanti

next
Articolo Successivo

Autobomba in Afghanistan: almeno 8 morti e 30 feriti. I Taliban negano il coinvolgimento dopo l’annuncio della tregua con Kabul

next