Nella giornata odierna Nubia ha presentato il primo smartwatch al mondo ad essere equipaggiato con un display AMOLED flessibile, in grado quindi di seguire la curva del polso: Nubia Watch. La società cinese controllata da ZTE ha lavorato in silenzio in questi ultimi anni, in modo tale da essere pronta a portare sul mercato uno smartwatch innovativo. Ed ecco quindi Nubia Watch che continua la strada intrapresa dal prototipo Nubia Alpha mostrato al Mobile World Congress del 2019.

Partiamo dall’elemento più importante, il display, un pannello AMOLED flessibile con una diagonale di ben 4 pollici e una risoluzione 960 x 192 pixel. Per capire di cosa stiamo parlando, nel 2007 il primo iPhone era equipaggiato con uno schermo da 3,5 pollici e risoluzione di 320 x 480 pixel.

All’interno il dispositivo ospita un processore Qualcomm Snapdragon Wear 2100 con 1 GB di RAM e 8 GB di memoria dedicata all’archiviazione interna. Non manca poi un cardiofrequenzimetro sempre attivo. Al posto di Google Wear OS infine lo smartwatch presenta un sistema operativo proprietario, capace comunque di aiutarci a monitorare tantissimi sport, oltre alla qualità del sonno. Unica vera limitazione: il dispositivo non è impermeabile ma solo resistente agli schizzi e non può quindi essere utilizzato in piscina.

La batteria interna da 420 mAh dovrebbe essere sufficiente per garantire 2/3 giorni di autonomia, a meno che non lo utilizziate pesantemente, ad esempio con il GPS sempre attivo. Grazie poi alla connettività 4G (solo eSIM), lo smartwatch è di tipo stand alone, non richiede cioè che abbiate con voi anche lo smartphone per ricevere le varie notifiche e i messaggi. Nubia Watch sarà disponibile prima in Cina e poi in Europa, con un prezzo al cambio attuale pari a 218 euro, anche se nel nostro continente costerà sicuramente un po’ di più.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pagamenti contactless: dal 2021 niente PIN fino a 50 euro di spesa

next
Articolo Successivo

Office 365, in arrivo nuove funzioni contro spam e malware

next