Realme Watch è ormai ufficiale. Nonostante la presentazione fissata in India per il prossimo 25 maggio, il sito della divisione indiana ha infatti già pubblicato le immagini e le caratteristiche di quello che sarà il primo smartwatch del brand cinese. Manca un solo dettaglio importante, il prezzo, che potrà dirci se ci troviamo nuovamente di fronte a un dispositivo caratterizzato da un elevato rapporto qualità/prezzo, come da tradizione del brand.

Il design scelto da Realme Watch ricorda molto quello di Amazfit GTS che a sua volta sembra chiaramente ispirato richiama all’Apple Watch. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, lo smartwatch integra un display touchscreen a colori da 1,4 pollici, mentre la batteria da 160 mAh dovrebbe avere un’autonomia piuttosto elevata, pari a circa una settimana con monitoraggio della frequenza cardiaca attivo.

Lo smartwatch inoltre è certificato contro le infiltrazioni di acqua e polvere secondo lo standard IP68 e integra sensori di accelerazione, monitoraggio della frequenza cardiaca e livello saturazione ossigeno nel sangue, oltre a un modulo Bluetooth 5.0 per la connettività. Abbastanza singolarmente invece sembra essere assente il GPS. Il sistema operativo, infine, è proprietario e funzionerà in abbinamento all’applicazione Realme Link.

Tutte le principali funzioni che ci si può aspettare da un dispositivo del genere saranno comunque presenti, dalla ricezione di notifiche agli avvisi di chiamata, passando per il tracciamento di 14 diverse modalità sportive tra cui però non compare il nuoto. Sarà possibile inoltre gestire la riproduzione musicale e la fotocamera dello smartphone a cui è associato, anche se non è ancora chiaro se quest’ultima funzione sarà compatibile con tutti i dispositivi o solamente con quelli a marchio Realme.

Due le tipologie di cinturini disponibili, entrambe in silicone, uno classico nero con fibbia e l’altro invece definito “fashion” e caratterizzato da un dentello da incastrare nei fori. Quest’ultimo sarà disponibile in altre colorazioni. Come già detto, mancano informazioni relative al prezzo così come sulla commercializzazione in Europa, comunque assai probabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“Microsoft era dalla parte sbagliata della storia”: il colosso fa mea culpa su open source e Linux

next