Un’estate difficile e ancora incerta, quella duemilaventi. Tra l’ansia da contagio da Covid-19 che scoraggia viaggi lunghi, con molti spostamenti e verso mete troppo turistiche, e le ristrettezze economiche con cui fare i conti, il settore turistico e quelli che gravitano attorno a questo stanno già riscontrando numeri poco incoraggianti. Quest’anno il 28% degli italiani molto probabilmente non si allontanerà per le vacanze, mentre chi ha deciso di partire comunque lo farà nel 70% dei casi verso mete nostrane e scegliendo l’auto come mezzo di trasporto.

Secondo lo studio condotto da ANIASA in collaborazione con Bain&Company, il 30% dei nostri connazionali partirà a bordo di un’autovettura a noleggio, nonostante tale settore abbia registrato in questo periodo – quello di norma con il picco di prenotazioni – una contrazione di oltre il 50%.

“L’emergenza sanitaria ha inciso drammaticamente sulla domanda turistica nel nostro Paese e quindi sulle richieste di noleggio” – osserva Massimiliano Archiapatti, Presidente ANIASA – “Nelle prossime settimane ci aspettiamo che, complice gli arrivi a singhiozzo di turisti stranieri, saranno soprattutto gli italiani a noleggiare vetture. Ancora di più in questa fase di ripartenza e di difficoltà economiche per molte famiglie, il noleggio costituisce la modalità più efficiente, sicura ed economica per raggiungere le proprie mete di vacanze, spesso in zone remote e meno affollate, ma non per questo meno ricche di storia e cultura del nostro Paese”.

Quest’anno però, oltre alle regole ordinarie sulla prenotazione di un veicolo – fare attenzione al canale cui ci si affida, verificare tutti i servizi inclusi e i costi aggiuntivi, e attenersi alle condizioni di restituzione del veicolo alla fine del noleggio – ci sarà da tenere in considerazione altre regole legate all’emergenza Covid. Ad esempio, se si viaggia con “non-congiunti” all’interno dell’abitacolo si potrà stare al massimo in tre persone in una vettura da cinque posti, ed in cinque in una da sette: resta l’obbligo di indossare la mascherina e il divieto di occupare il posto accanto al conducente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto usate, in Italia il settore vale 11,9 miliardi di euro e viaggia soprattutto online

next
Articolo Successivo

Milano Monza Open-Air Motor Show, edizione autunnale con la sicurezza in primo piano

next