Chi pensava che Ford si sarebbe fermata alla dragster Mustang Cobra Jet 1400 sbagliava. Lo stesso concetto che ha ispirato quella supercar, i tecnici dell’Ovale Blu l’hanno applicato a questa Mustang Mach-E 1.400. Anch’essa in grado di generare una potenza di 1419 cavalli, e anch’essa a emissioni zero. Figlia prediletta del piano di investimenti di 11,5 miliardi di dollari che il costruttore americano sta facendo sull’elettrico. Sviluppata in collaborazione con RTR Vehicles e costruita su un telaio della Mustang Mach-E GT, è infatti dotata di sette motori elettrici: tre fissati al differenziale anteriore e quattro alla parte posteriore e sovrapposti, con un singolo albero di trasmissione che li collega ai differenziali. La vettura può contare anche su linee sopraffine, che le consentono un carico aerodinamico in grado di affrontare qualsiasi gara in pista. Non è un caso, infatti, che questa supercar elettrica, che ha fatto da banco di prova pure per l’utilizzo di materiali speciali (il tetto, ad esempio, è realizzato in fibre composite organiche, un’alternativa leggera alla fibra di carbonio di cui è composto il resto del veicolo), debutterà presto in una delle competizioni più famose negli Usa: la Nascar.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smart fortwo EQ cabrio suitegrey, un’auto da cinema

next