Come promesso, Xiaomi ha appena ufficializzato il fitness tracker Mi Band 5 per il mercato italiano. Le caratteristiche tecniche non sono un mistero, essendo già stata annunciata in Cina, l’unica incognita era rappresentata dal prezzo che in Italia è di 39,99 euro, in leggero aumento rispetto al predecessore. Il design resta pressoché invariato rispetto a Mi Band 4. Il display è sempre AMOLED, touchscreen e a colori ma aumenta la diagonale che ora è di 1,1 pollici. La risoluzione è pari a 126 x 294 pixel. Resta la leggerezza (pesa appena 12 grammi) così come l’impermeabilità fino a 5 ATM. La connettività è assicurata dal Bluetooth 5.0.

La grande novità è rappresentata dal caricatore magnetico, che consentirà di ricaricare la Mi Band 5 senza doverla più separarla dal cinturino per ricaricarla, una soluzione decisamente più comoda. È stato confermato, infine, il tracciamento del ciclo mestruale. Per il resto, le funzionalità dovrebbero essere sempre le stesse: contapassi, tracciamento del battito cardiaco, monitoraggio del sonno con fase REM, ricezione di notifiche e tracciamento di 11 attività sportive (contro le 6 del predecessore) con supporto al punteggio PAI (Personal Activity Intelligence).

Le attività tracciabili sono corsa, tapis roulant, ciclismo, camminata, cyclette, ellittica, vogatore, yoga, salto con la corda, nuoto ed esercizio libero, Xiaomi inoltre ha inserito il barometro, prima assente. Il tutto è alimentato da una batteria da 125 mAh che dovrebbe assicurare circa due settimane di autonomia. Manca purtroppo ancora il supporto NFC per il nostro mercato, richiesto a gran voce dagli utenti europei.

Le colorazioni disponibili sono giallo, ottanio, blu navy, verde e arancione oltre al classico nero. Come detto in apertura, Mi Band 5 sarà acquistabile in Italia 39,99 euro a partire da oggi 15 luglio sul sito ufficiale mi.com e su Amazon.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Redmi 9A e Redmi 9C, ufficiali in Italia i due nuovi smartphone economici dalla grande autonomia

next
Articolo Successivo

Google rivoluziona Gmail con una valanga di novità

next