A più di dieci ore dalla pubblicazione, Luciano Benetton smentisce le dure dichiarazioni che gli sono state attribuite dal quotidiano “La Repubblica”. In una nota il capofamiglia spiega di “non aver rilasciato dichiarazioni a giornalisti” e che “le frasi riportate da alcuni organi di stampa non rappresentano il suo pensiero”. Il quotidiano riferiva di un profondo malcontento trapelato da Ponzano Veneto per le decisioni del governo su Autostrade con l’imprenditore che si diceva convinto che l’esecutivo avesse cercato l’esproprio fin dall’inizio, di sentirsi trattato peggio di una cameriera e di essere indignato per la demonizzazione del nome della famiglia.

Senza tema di smentita sono invece le dichiarazioni del fotografo Oliviero Toscani, protagonista delle celebri campagne pubblicitarie che negli anni ’80 e ’90 fecero la fortuna del gruppo. “Luciano Benetton è la persona più onesta che abbia mai conosciuto”, ha affermato Toscani ricordando di conoscere il fondatore dell’impero da 40 anni. “Questo signore è nato povero, orfano povero, a 10 anni lavorava – rincara Toscani – non come la politica italiana di oggi fatta di nani e ballerine che decidono a chi addossare le gogne. Siamo un paese di vigliacchi

VENT’ANNI DI PROFITTI: Curiosa la ricostruzione che fa Toscani dell’avventura in Aspi: “nel 1999 i Benetton si addossarono Autostrade che nessuno voleva”. Un “sacrifico” che solo negli ultimi 10 anni ha garantito agli azionisti profitti per circa 8 miliardi di euro di cui circa un terzo finiti nelle tasche dei Benetton. Miliardari a loro insaputa insomma. Vale inoltre la pena ricordare che, alla fine, per accaparrarsi Autostrade i Benetton non sborsarono neppure un euro. I soldi inizialmente versati al governo, circa 2,5 miliardi di euro, furono infatti in parte scaricati sul debito della società e in parte recuperati vendendo successivamente in borsa una parte della partecipazione.

Autostrade, come molti concessionari, è una macchina da profitti che viaggia con il pilota automatico. Incassi stabili e garantiti, nessun concorrente, uno scambio aumento dei pedaggi – impegni di investimenti particolarmente vantaggioso. La concessione è stata venduta ai Benetton dal governo D’Alema ma poi prolungata nel 2008, con termini ancora più vantaggiosi, dal governo Berlusconi. Termini che permetteranno alla società di tenere basso il livello degli investimenti sulla rete, a tutto beneficio degli utili. Ma secondo Toscani i Benetton c’entrano poco nulla perché “sono integerrimi ma hanno assunto manager non all’altezza“. Miliardari a loro insaputa insomma. Già a fine 2019 la famiglia aveva scaricato le responsabilità sui manager in una lettera ai giornali.

I BENETTON CADONO IN PIEDI – Difficile anche avvallare la tesi di un esproprio ai danni della famiglia. Al momento non è chiaro quanto davvero incasseranno i Benetton al termine dell’operazione che porterà all’ingresso nel gruppo di Cassa Depositi e Prestiti con altri nuovi azionisti e alla successiva quotazione di Autostrade. CdP dovrebbe versare fino a 4 miliardi per assicurarsi il 33%. Se così fosse l’attuale valore del gruppo si collocherebbe introno ai 10-12 miliardi. Significa che i Benetton hanno oggi in mano una partecipazione che vale circa 2,5 miliardi. In ogni caso non se ne andranno a mani vuote.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, la situazione attuale presenta l’opportunità di un radicale cambiamento

next
Articolo Successivo

Autostrade, la decisione presa è una vittoria per tutti. Ma è solo l’inizio

next