Cinque sostituzioni fino alla fine di luglio del prossimo anno. Lo ha stabilito l’Ifab, l’ente che stabilisce le regole del calcio che aveva dato il via libera alla norma l’8 maggio scorso per concedere alle gare programmate di essere completate nel 2020 con la possibilità di consentire alle squadre di utilizzare fino a cinque sostituti, per ridurre il rischio di infortuni dovuto soprattutto al caldo e alle partite ravvicinate da giocare dopo un lungo stop, durato tre mesi.

Oggi il Consiglio di amministrazione doveva decidere se estendere ulteriormente questa opzione, sulla base delle prime sensazioni delle parti interessate e di un’analisi dell’impatto del Covid-19 sui calendari delle competizioni. L’Ifab ha quindi deciso di estendere l’opzione alle competizioni che si concluderanno entro il 31 luglio 2021. Il motivo principale della ‘proroga’ è la tutela dei giocatori impegnati in competizioni che si svolgono in un periodo ristretto e in diverse condizioni meteorologiche. L’impatto sul benessere dei giocatori per l’Ifab dovrà continuare nel 2021. Tuttavia, per evitare interruzioni del gioco, ogni squadra continuerà ad avere solo tre opportunità per effettuare sostituzioni, anche se le sostituzioni a metà tempo non vengono conteggiate come una delle tre opportunità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia 90, 30 anni dopo – Quei botti di mercato dopo il Mondiale: Francescoli al Cagliari e Skuhravy al Genoa. E poi Aldair e Taffarel

next