Banksy anti-Covid sulla metro di Londra. Il celebre street artist è riapparso sulle strade della capitale britannica. Anzi ha fatto riapparire la sua firma in una curiosa performance organizzata, filmata, montata e poi pubblicata sulla sua pagina Instagram da quasi 10 milioni di follower. “If you don’t mask, if you don’t get” c’è scritto accanto al video di nemmeno un minuto dove viene ritratto in tizio tutto coperto con tuta e mascherina che sale su un vagone della Underground londinese. Il tizio si dà da fare parecchio applicando qua e là diversi stencil che fanno comparire il classico topino banksyano tutto intento sia a starnutire schifezze sui seggiolini della metro ma anche a dotarsi di mascherina antivirus e gel pulisci zampette. In alcuni vagoni il topino usa la mascherina anche come paracadute, fin quasi, un po’ alla Fontana, a rimanere sgraziatamente con la stoffa accartocciata tra gli occhi e il naso.

Il video si chiude con Tubthumping dei Chumbawamba e un fuori vista cinematografico vecchia maniera: sul muro di una fermata della metro c’è scritto “I get lockdown”, poi davanti al muro si chiude la porta del vagoncino su cui il realizzatore banksyano ha scritto “but I get up again”, in modo da formare una frase unica. La società dei trasporti londinese ha comunque confermato che il graffito è stato prontamente cancellato, quindi ne rimane solo una copia video sui social dello street artist. La questione “mascherine” è ancora un tema “caldo” in Inghilterra tanto che dal 24 luglio dovrebbero diventare obbligatorie quando si entra nei negozi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Johnny Depp, colpo di scena al processo. L’ex assistente rivela: “Amber Heard sociopatica e machiavellica, era lei quella violenta”

next
Articolo Successivo

Francesco Totti in posa da ‘sirenetto’ scrive una frase poetica. Vieri, Ventola e Bombardini lo pigliano in giro

next