Chi ha già contratto il Sars-Cov-2 non solo potrebbe ammalarsi di nuovo, ma addirittura presentando sintomi più gravi. Mentre i centri di ricerca di tutto il mondo continuano gli studi per produrre una cura o un vaccino, l’ipotesi avanzata da un gruppo di esperti italiani e pubblicata sulla rivista scientifica BMJ Global Health, se confermata, potrebbe cambiare completamente l’approccio di ricercatori e medici alla cura e alla prevenzione contro il Covid-19.

Lo studio, realizzato da sette ricercatori italiani e con primo firmatario Luca Cegolon, medico epidemiologo presso l’Ausl 2 di Marca Trevigiana di Treviso, si concentra proprio sul tema dell’immunizzazione di un individuo dopo aver contratto il nuovo virus. In particolare, l’aspetto da definire è la durata degli anticorpi anti-Covid e se questi diano alla persona un’immunità permanente dopo il primo contagio.

Gli scienziati italiani hanno formulato la propria ipotesi basandosi sulle caratteristiche fino ad oggi conosciute del Sars-Cov-2, le reazioni delle persone che sono state infettate e facendo dei paralleli con altri tipi di coronavirus simili a quello che si è diffuso in tutto il mondo dall’inizio del 2020. Proprio analizzando i coronavirus umani, famiglia alla quale appartiene il Sars-Cov-2, gli scienziati hanno rilevato che 4 dei 7 ceppi conosciuti creano sindromi respiratorie lievi e tutti causano re-infezioni, indipendentemente dall’immunità umorale che si acquisisce dopo essere guariti dalla malattia. Nei casi più gravi conosciuti, il Mers-Cov e il Sars-Cov, che sono anche quelli più simili per caratteristiche al nuovo Sars-Cov-2, rispettivamente con una somiglianza genomica del 50% e del 79%, è stato identificato un fenomeno noto come Antibody Dependent Enhancement (Ade): in pratica, il legame tra virus e anticorpi crea le condizioni per permettere una nuova infezione che si può anche presentare con una maggiore virulenza, così come accade, oltre che in questi coronavirus, anche con i flavivirus come la Dengue, il West Nile, la Febbre Gialla e la Zika. Tradotto: in caso di seconda ondata, chi ha già contratto il virus potrebbe ammalarsi di nuovo e in forma più grave.

Oltre alle caratteristiche simili di Sars-Cov-2 con Sars-Cov e Mers-Cov, che fanno quindi ipotizzare che il fenomeno Ade possa replicarsi anche con quest’ultimo virus, gli scienziati hanno anche rilevato che questo meccanismo in questi altri due coronavirus presenta caratteristiche molto simili al quadro clinico dei casi critici di Covid-19: polmonite interstiziale con Sindrome da distress respiratorio acuto (Ards), linfopenia, aumento dei neutrofili, tempesta di citochine, forte riduzione dell’interferone. “Le analogie – ha specificato Cegolon parlando a Repubblica – sono molte, come dimostra la diminuzione dei livelli dell’interferone, che serve a difenderci dalle infezioni, e dei linfociti mentre aumentano i fagociti che sono responsabili di un quadro polmonare gravemente compromesso e caratterizzato da una tempesta di citochine”. Ma l’ipotesi degli scienziati italiani potrà eventualmente avere conferme su larga scala solo in caso di una seconda ondata che esporrebbe di nuovo al virus persone già risultate positive in questa prima parte del 2020.

Mentre in tutto il mondo stanno proseguendo gli studi per individuare una cura alla malattia e un vaccino che limiti le possibilità di contagio, l’ipotesi del team italiano apre a una prospettiva preoccupante. “Per nessun coronavirus è mai stato possibile produrre e commercializzare un vaccino efficace finora, neppure per quelli temibili che, come il Sars-CoV-2, causano sindromi respiratorie acute severe, cioè il Middle-East Respiratory Coronavirus (Merc-CoV) ed il Sars-CoV che causò la famosa epidemia cinese nel 2003″, continua Cegolon. Questo perché il meccanismo che ne ha impedito la produzione fino ad ora non è ancora chiaro: “Ma sicuramente l’immunità umorale, cioè gli anticorpi prodotti in seguito ad una prima infezione – conclude il ricercatore – non sembrano avere un ruolo protettivo. Ed infatti i coronavirus sono noti per causare re-infezioni, indipendentemente dall’immunità acquisita”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, “si può trasmettere al feto in gravidanza, contagio attraverso la placenta”. Lo studio su un nuovo caso a Parigi

next