Ravvivare il turismo interno nella consapevolezza che, senza voler far trasparire allarmismi o catastrofismi, nulla sarà come prima. La Grecia turistica, fetta che vale il 20% del Pil nazionale, è ripartita da due settimane, con un vademecum programmatico, con test a campione (che hanno permesso di scovare un focolaio fra i vacanzieri serbi) e una organizzazione logistica imprescindibile.

L’affluenza è ovviamente ancora bassa rispetto allo stesso periodo del 2019, chi si aspettava un trend diverso resterà deluso: ma un punto a favore il governo ellenico guidato da Kyriakos Mitsotakis lo ha segnato alla voce linee guida. Il codice a barre che il singolo visitatore deve mostrare prima di mettere piede sul suolo ellenico è gestito da un sistema elettronico che, valutando le informazioni, le abitudini del singolo e i fattori di rischio, elabora la possibilità di essere positivo. Il risultato del test viene inviato dopo 24 ore all’indirizzo di soggiorno che il turista indica.

Tutto ok? Quasi. Il nodo resta la gestione dei positivi e i numeri dell’indotto. Le isole Cicladi, Creta e la Penisola Calcidica restano le mete più gettonate per il turismo cosiddetto di massa. Non solo la classica settimana in luglio o in agosto, ma andranno valutati anche i numerosissimi turisti che puntano da sempre ad abbinare mare a cultura.

Italiani, tedeschi e inglesi hanno l’abitudine di girovagare per le mille e più bellezze uniche che la Grecia ha: dall’oracolo di Delfi ai monasteri delle Meteore, dai luoghi nella regione greca della Macedonia cari ad Alessandro Magno (Verghina, Filippi, Dion) fino al Monte Athos, dal Peloponneso meta annuale di Umberto Eco (Mani e Monenvasia, su tutte) sino al monte Pellion, set del celebre film Mammamia assieme alle isole Sporadi di Skiathos, Alonissos e Scopelos.

Lì, in quegli anfratti di folklore, storia e miti si è celata per anni una buona presenza turistica, anche se lo zoccolo duro resta Atene e le note isole di Santorini, Mykonos, Creta e Paros. Nel mentre, con la pandemia che ha mutato anche la genetica delle vacanze, cresce il numero di richieste di ville sul mare e appartamenti familiari, segno che per chi può rappresentano una sistemazione logistica più comoda e sicura, specialmente per chi viaggia con bimbi piccoli.

In Grecia però, al di là delle notizie di cronaca e delle fisiologiche prescrizioni dei virologi, si respira una voglia intensa di non fasciarsi la testa, come dimostrano alcuni elementi. L’apertura dei cantieri all’ex aeroporto Elleniko rappresenta un segno di rinascita dopo la crisi finanziaria del 2012.

Lì dove sorgeva lo scalo della capitale verrà realizzata una nuova Dubai nell’Egeo con hotel, casinò e porticciolo turistico; e la nuova linea della metropolitana di Atene, inaugurata negli stessi giorni in cui si è svolto l’evento centrale della Presidenza greca del Consiglio d’Europa con il discorso del premier Mitsotakis e della Presidente della Repubblica Sakellaropoulou in un clima ancestrale, come dimostra la location scelta, presso il Tempio di Zeus Olimpio. La magia, nonostante il Covid, in Grecia è sempre assicurata.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, via al turismo di prossimità: qualche consiglio per scoprire le perle vicino casa

next
Articolo Successivo

Vignanotica è uno scorcio di paradiso. Ma non sarebbe così senza i suoi partigiani verdi

next