La lince è tornata a percorrere i boschi dell’Alto Garda, attratta dalla natura selvaggia della Foresta Regionale Gardesana Occidentale, la più estesa della Lombardia. Una fototrappola, collocata da Ersaf per il monitoraggio della fauna al confine tra il Trentino e l’area demaniale, ha registrato il doppio transito del carnivoro a distanza di due giorni l’uno dall’altro: lo scorso 8 giugno, all’inizio del pomeriggio, il mammifero entrava in Lombardia e il 10, a notte fonda, se ne usciva seguendo i propri passi.

La lince immortalata non è una novità assoluta nel Bresciano: l’individuo ha il nome di B132, è nato nel nord della Svizzera nel 2006 ed è stato munito di radiocollare che ha permesso di seguirne gli spostamenti nel tempo. Già l’anno successivo era emigrato in Italia, prima in Lombardia e poi, più stabilmente, in Trentino da cui si sposta più a sud-ovest, nel territorio dell’Alto Garda bresciano che ha visitato stabilmente fra il 2012 e il 2015. L’ultima volta è stata a gennaio 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Hic sunt leones, al Bioparco di Roma nascono due cucciole di leone asiatico. Raggi: “Simbolo di speranza e rinascita”

next
Articolo Successivo

Il leopardo sorpreso alle spalle mentre si disseta: la reazione allo “scherzetto” è imperdibile

next